cerca CERCA
Mercoledì 24 Aprile 2024
Aggiornato: 10:26
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Ucraina, nuovo pacchetto di sanzioni alla Russia. Funzionano?

21 febbraio 2024 | 14.15
LETTURA: 3 minuti

La crescita di Mosca è spinta solo dalla guerra ma il fattore tempo può giocare a favore di Putin

Vladimir Putin
Vladimir Putin

E' in arrivo un nuovo pacchetto di sanzioni alla Russia, il tredicesimo. Dall'inizio della guerra in Ucraina, la risposta della Ue si è focalizzata su uno strumento ritenuto indispensabile per accompagnare al sostegno alla resistenza di Kiev una pressione economica capace di isolare Mosca dal resto del contesto internazionale.

Fin dal primo pacchetto, il dibattito che si è innescato ha riguardato l'efficacia delle sanzioni. A fare da arbitro, come sempre, ci sono i dati. Anche se la lettura dei numeri, anche prescindendo dalle strumentalizzazioni della propaganda, può lasciare invariata la posizione di chi sostiene che i risultati conseguiti siano nel complesso importanti e chi, al contrario, si è da subito sbilanciato a parlare di fallimento.

La notizia, accordo raggiunto a Bruxelles

I rappresentanti permanenti degli Stati membri dell'Ue hanno trovato un accordo di principio sul 13esimo pacchetto di sanzioni contro la Russia per la guerra in Ucraina, ha annunciato la presidenza belga, puntualizzando che si tratta di uno dei "più ampi" pacchetti proposti e che verrà approvato per procedura scritta entro il 24 febbraio.

Su X, la presidente della Commissione Europea Ursula Von der Leyen esprime la sua soddisfazione. "Dobbiamo continuare a limitare la macchina da guerra di Putin. Con 2000 restrizioni in totale manteniamo alta la pressione sul Cremlino", scrive, aggiungendo: "Stiamo anche riducendo ulteriormente l'accesso della Russia ai droni".

A cosa devono servire le sanzioni, cosa dicono i dati

Le sanzioni introdotte dalla Ue, come ricorda il sito della Commissione, servono fondamentalmente a tre obiettivi: "Indebolire la capacità del Cremlino di finanziare la guerra; infliggere costi economici e politici chiari all'élite politica russa; erodere la base economica della Russia".

Analizzando i dati sullo stato di salute dell'economia russa e guardando all'andamento della guerra sul campo e alle risorse impiegate dal Cremlino, si può arrivare alla conclusione che il primo target non sia stato raggiunto, mentre i risultati sugli altri due fronti sono più evidenti.

Il tema principale è la trasformazione dell'economia russa in un'economia di guerra, con tutte le conseguenze che ne derivano. La crescita tiene, il resto no. Il pil (+3,6% nel 2023, secondo una stima dell'agenzia nazionale di statistica Rosstat) rimane sopra le attese, soprattutto quelle iniziali eccessivamente sbilanciate verso l'ipoteso di un rapido crollo. E anche i numeri dell’Fmi riportano una crescita del Pil del 3% nel 2023 e una stima del 2,6% nel 2024. Nessun effetto delle sanzioni occidentali, quindi? No. Al contrario, l’inflazione al 7,5% e in ulteriore crescita, la produzione industriale nei settori civili in netto calo, insieme al record del 6% della spesa pubblica dedicata al settore militare, dicono che la guerra sostiene Mosca ma che le prospettive per la qualità della vita della popolazione e per la tenuta del tessuto sociale e produttivo sono pessime.

Le sanzioni, nonostante siano evidentemente aggirate almeno in parte, in estrema sintesi incidono ma non hanno ancora effetti sulla produzione bellica. Serve tempo ma il tempo non gioca a favore della resistenza di Kiev e rende Putin, e il suo regime, di fatto dipendenti dalla guerra.

La Russia sta eludendo le sanzioni? Lo studio dell'Ifo

L'ipotesi che la Russia stia in parte eludendo le sanzioni occidentali è comunque fondata, come evidenzia uno studio dell'Ifo. “Nel 2022, le esportazioni verso la Russia da Armenia, Kazakistan, Uzbekistan, Kirghizistan e Turchia di beni fondamentali per l'economia russa o importanti per l’industria militare russa sono state 50 volte superiori alle esportazioni di beni generali di questi paesi verso tutti i paesi di destinazione nel 2019. Ciò indica una probabilità molto elevata di elusione delle sanzioni”, ha affermato Feodora Teti, vicedirettrice del Centro ifo per l’economia internazionale. La Cina resta il paese d’origine alternativo più importante della Russia per i prodotti soggetti a sanzioni: il 61% di tutti i prodotti soggetti a sanzioni proviene dalla Cina mentre nel 2021 la percentuale era solo del 35%. La Turchia fornisce alla Russia il 13% di tutti i prodotti sui quali l’Occidente ha imposto sanzioni; nel 2021 questa cifra era poco meno del 3%. (Di Fabio Insenga)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza