cerca CERCA
Giovedì 18 Aprile 2024
Aggiornato: 06:32
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Ucraina, Russia avanza ancora. Biden in pressing: Kiev ha bisogno di armi Usa

28 febbraio 2024 | 06.54
LETTURA: 4 minuti

Le forze di Mosca si spingono ancora più a ovest. Vertice alla Casa Bianca: "Non possiamo aspettare mesi". Le news di oggi sulla guerra

Volodymyr Zelensky - Fotogramma /Ipa
Volodymyr Zelensky - Fotogramma /Ipa

L'Ucraina continua ad arretrare, la Russia avanza ancora e Joe Biden a Washington lancia l'ennesimo allarme: Kiev ha bisogno delle armi americane. La guerra, entrata nel terzo anno, prosegue con un trend favorevole a Mosca ormai da settimane. La Russia, dopo la conquista della città di Avdiivka una decina di giorni fa, si spinge verso ovest e approfitta dell'arretramento delle forze armate ucraine. I soldati di Kiev lasciano i villaggi di Sieverne e Stepove, dopo aver ceduto qualche ora prima anche le posizioni a Lastochkyne. Una strategia prevedibile, alla luce della carenza di armi e munizioni, e tra l'altro annunciata apertamente dal presidente Volodymyr Zelensky nella conferenza stampa di domenica 25 febbraio: "Cederemo terreno per non perdere vite umane", la sintesi del leader.

L'Ucraina è in difficoltà e, sopratutto lungo il fronte orientale, ha dovuto fare i conti con una netta inferiorità in termini di munizioni. Come ha detto lo stesso Zelensky, il rapporto nelle dotazioni di artiglieria è di 1:7. Per ogni colpo sparato da Kiev, Mosca risponde 7 volte. In queste condizioni, anche la difesa diventa complicata e bisogna ripiegare. Mentre la Russia può contare su forniture massicce da parte della Corea del Nord, come ha denunciato la Corea del Sud facendo riferimento ad un nuovo invio da parte del regime di Kim Jong-un, l'Ucraina deve fare i conti con lo stallo a Washington, dove è bloccato ormai da mesi il pacchetto da 61 miliardi di dollari con armi e aiuti.

Il Senato ha votato il via libera, ma alla Camera dei Rappresentanti - a maggioranza repubblicana - il tema non è all'ordine del giorno. In un quadro caratterizzato anche dall'influenza di Donald Trump, che potrebbe condizionare le scelte di una parte dei deputati Gop, i riflettori sono puntati sullo speaker Joe Johnson, convinto che la priorità per i legislatori sia il tema dell'immigrazione e quindi la protezione del confine con il Messico: il Congresso, dice, "deve preoccuparsi prima dell'America" e poi degli aiuti all'estero.

Il vertice alla Casa Bianca

L'Ucraina è stata al centro del vertice che, alla Casa Bianca, il presidente Joe Biden ha tenuto con i leader del Congresso. "E' stato uno dei summit più intensi", ha detto Chuck Schumer, leader democratico al Senato. Tutti i presenti, compreso il repubblicano Mitch McConnell, secondo Schumer "hanno sottolineato quanto la questione sia vitale per gli Stati Uniti. Non possiamo permetterci di aspettare un mese, due o tre: con ogni probabilità, perderemmo la guerra".

L'immobilismo del Congresso rischia di incrinare il rapporto tra gli Stati Uniti e la Nato. "I leader di Corea del Nord e Iran - ha aggiunto Schumer - sarebbero spinti a pensare che gli Stati Uniti sono un paese soft e inattivo. E ne trarrebbero vantaggio".

Mosca: "Abbattuto drone su Belgorod"

I sistemi di difesa aerea russi hanno abbattuto un drone ucraino sopra la regione di Belgorod. Lo ha riferito il ministero della Difesa di Mosca.

"Questa notte è stato fermato il tentativo del regime di Kiev di effettuare un attacco terroristico utilizzando un Uav contro obiettivi sul territorio della Federazione Russa. Il veicolo aereo senza pilota ucraino è stato distrutto dai sistemi di difesa aerea in servizio sul territorio della Regione di Belgorod", ha aggiunto il ministero

Kiev: "Bombardamento russo a Zaporizhzhia"

Le forze russe hanno intanto attaccato diverse località nell’oblast di Zaporizhzhia, uccidendo un residente e ferendone un altro. Lo ha riferito il governatore regionale Ivan Fedorov.

Un bombardamento nel villaggio occupato di Nove nel distretto di Polohy ha ucciso un residente di 76 anni, ha precisato Fedorov, mentre un attacco di artiglieria sulla città in prima linea di Orikhiv ha ferito un uomo di 53 anni.

Ieri le forze russe hanno lanciato 234 attacchi separati in 11 località dell'oblast, che hanno danneggiato edifici residenziali e infrastrutture. Fedorov ha detto che nel corso la giornata sono pervenute 27 segnalazioni di danni.

Truppe occidentali in Ucraina? Cina invita a moderazione

La Cina invita intanto alla moderazione e a ridurre le tensioni tutte le parti coinvolte nel conflitto ucraino, con l'obiettivo di arrivare a un cessate il fuoco. Lo ha dichiarato la portavoce del ministero degli Esteri cinese Mao Ning commentando la prospettiva illustrata dal presidente francese Emmanuel Macron di inviare truppe occidentali in Ucraina.

"Chiediamo a tutte le parti di raggiungere un accordo e creare le condizioni per allentare le tensioni e promuovere un cessate il fuoco e una tregua", ha detto nel corso di un briefing. La Cina, ha aggiunto, continuerà a svolgere un ruolo costruttivo per arrivare a una soluzione politica della crisi ucraina.

Leggi anche
Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza