cerca CERCA
Domenica 25 Febbraio 2024
Aggiornato: 23:32
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Cybersecurity, Fondazione Italia digitale: attacchi problema non solo per addetti ai lavori

23 febbraio 2023 | 15.20
LETTURA: 2 minuti

Il presidente Di Costanzo: "Sfruttare opportunità Pnrr per far diventare l’Italia all’avanguardia nella messa in sicurezza preventiva"

Cybersecurity, Fondazione Italia digitale: attacchi problema non solo per addetti ai lavori

"Gli attacchi alla sicurezza informatica sono sempre di più, in aumento rispetto agli anni passati. Parliamo di un argomento di stretta attualità, che dovrebbe essere prioritario da anni, non soltanto nel momento in cui si palesano le difficoltà di un sistema tutt'altro che impenetrabile". Lo dice in un'intervista all’Adnkronos/Labitalia Francesco Di Costanzo, presidente Fondazione Italia Digitale. "Che la cybersecurity sia un tema centrale - spiega - lo si evince anche dall’ultimo rapporto Clusit che rileva i dati a livello globale relativi agli incidenti informatici negli ultimi cinque anni. Nei primi sei mesi del 2022 abbiamo assistito ad un aumento dell’8,4% dei casi e a una media di 190 attacchi ogni trenta giorni. Se confrontati con il primo semestre 2018, questi sono aumentati del 53%".

"Il quadro degli obiettivi sensibili - sottolinea - è estremamente variegato: multiservizi (+108,3%), telecomunicazioni (+77,8%; finanza/assicurazioni (+76,7%), news/multimedia (+50%; manifatturiero (+34%), seguiti da energia e utenze (+5,3%) e sanitario (+2,2%)". "La sicurezza informatica - sottolinea Francesco Di Costanzo, presidente Fondazione Italia Digitale - non può più essere considerata un problema soltanto degli addetti ai lavori. L’unico modo per agire di fronte a questi attacchi hacker è quello di considerare gli interventi in questo campo, ma direi sul digitale in generale, una priorità. Oggi, attraverso i mezzi informatici, si è in grado di bloccare i servizi essenziali della Pubblica amministrazione e di congelare, nel vero senso della parola, le infrastrutture del Paese".

"Occorre inserire - suggerisce - una previsione sulla cybersecurity in tutti i bandi pubblici e sfruttare le opportunità concesse dal Pnrr, per far diventare l’Italia all’avanguardia nella messa in sicurezza preventiva. Parliamo di una sfida difficile ma da vincere, in un settore in aggiornamento costante dal punto di vista tecnologico, professionale e delle infrastrutture". "In Italia - osserva - il percorso è avviato, ma serve fare di più, attraverso una velocizzazione del lavoro di digitalizzazione del settore pubblico e l’ingresso di nuove professionalità. Il nostro Paese necessita, in tempi stretti, di un grande piano di cultura digitale che coinvolga tutti i livelli: la Pubblica amministrazione, le imprese e il cittadino. Tante le priorità: cultura, educazione, competenze, riconoscimento professionalità, crescita dei servizi semplici, sicuri, alla portata di tutti. Le politiche digitali in tutti i settori sono una priorità, rendiamole la normalità, rendiamo il digitale popolare. Non si può più attendere".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza