cerca CERCA
Martedì 23 Aprile 2024
Aggiornato: 00:13
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Turismo, l'alta gamma tra sostenibilità e innovazione al centro di Ecoluxury Fair

10 novembre 2023 | 20.55
LETTURA: 8 minuti

E il nuovo trend è il 'mental wellness' tra digital detox e disconnessione

Turismo, l'alta gamma tra sostenibilità e innovazione al centro di Ecoluxury Fair

Le nuove frontiere del turismo di alta gamma passano oggi attraverso due parole chiave: sostenibilità e innovazione. Una sfida che coinvolge tutti gli operatori di settore, con un mercato sempre più ampio ed esigente, tra riflessioni sullo stato attuale della Travel Industry e le nuove prospettive future. Se ne parla a Roma in occasione dell’Ecoluxury Fair 2023, la sesta edizione della fiera internazionale sul mondo del lusso e della sostenibilità, presieduta da Enrico Ducrot, ceo di Ecoluxury e Viaggi dell’Elefante, che si svolge a Roma a Palazzo Taverna. Momento clou della kermesse romana il 'Forum su Turismo & Sostenibilità', che si è svolto oggi alla presenza di imprenditori, professionisti, travel experts, docenti universitari e rappresentanti delle istituzioni.

Un ricco programma “per favorire opportunità di business e confronto di idee secondo il concetto del laboratorio in continua evoluzione", ha spiegato Enrico Ducrot, ceo di Viaggi dell’Elefante e patron di Ecoluxury Fair 2023 in apertura dei lavori. "Abbiamo invitato i protagonisti del turismo per riflettere su come il lusso possa contribuire al tema della transizione della sostenibilità, facendola coesistere con consapevolezza e responsabilità anche nella stessa direzione dell’innovazione”, ha aggiunto. Chi finanzia questa grande rivoluzione della sostenibilità e dell’innovazione? “Fino a poco tempo fa - ha precisato Ducrot - il mondo della sostenibilità era considerato a sé stante, mentre è parte integrante di tutti i settori. Oggi un grande albergo di alta gamma non è solo un ecosistema perfettamente funzionante al suo interno, ma contribuisce anche al finanziamento della comunità circostante, a cominciare dall’agricoltura, l’artigianato e lo sviluppo socio-economico delle varie attività locali e quindi, di conseguenza, l’identità stessa del territorio”.

Al centro del Forum, moderato dal giornalista Roberto Gentile, editorialista turistico, temi di grande interesse come digital detox e mental wellness, cicloturismo e mobilità sostenibile, smart mobility e turismo accessibile, ma anche i benefici socioeconomici del turismo culturale di alta gamma, l’importanza delle certificazioni sostenibili e il ruolo della cultura e dell’etica nel mercato del turismo. In apertura di lavori, riflettori puntati su Roma che si conferma, per il quarto anno consecutivo, la prima città in Italia per numero di congressi e fiere organizzate sul territorio comunale.

“Il turismo luxury, unito a una visione responsabile e innovativa dell’ambiente, rappresenta un segmento fondamentale per lo sviluppo della nostra città. E’ un settore in forte espansione. I grandi brand dell’hotellerie internazionale hanno puntato con decisione sulla nostra città, grazie a una costante interlocuzione con la nostra giunta generando un clima di rinnovata fiducia sulle prospettive future della Capitale. Diverse strutture, infatti, hanno già aperto i battenti e da qui al 2024 assisteremo a un rapido incremento del comparto 5 stelle e 5 stelle lusso andando a coprire una carenza di strutture di alta gamma. Quando abbiamo iniziato ad amministrare questa città Roma aveva un terzo dei posti letto extra lusso di Milano. Dopo tre anni arriveremo al 30 per cento in più e dopo 5 anni al doppio rispetto a Milano. Una crescita che oltre a dare una risposta a una domanda specifica, genera grandi ricadute economiche ed occupazionali e migliora l'immagine della città", ha affermato Alessandro Onorato, assessore di Roma Capitale a turismo, grandi eventi, sport e moda.

La capitale riveste un ruolo sempre più centrale nella cosiddetta meeting industry posizionandosi al 14simo posto (risalendo di 4 posizioni rispetto gli ultimi anni): nella Top 20 mondiale dell’ultima graduatoria Icca (International Congress and Convention Association) e trainando l’Italia nella Top 3 mondiale dei Paesi ospitanti eventi e congressi internazionali (+2 posizioni rispetto al 2021).

“Siamo orgogliosi di aver rinnovato il supporto a Ecoluxury Fair, favorendone la crescita e lo sviluppo attraverso il coinvolgimento di buyer esteri - ha commentato Onorio Rebecchini, presidente del Convention Bureau Roma e Lazio - provenienti dai principali mercati europei e americani, e il dialogo con le istituzioni. Ecoluxury Fair, oltre a essere una manifestazione fieristica volta alla creazione di network e opportunità di business per gli operatori del territorio con professionisti internazionali del segmento luxury, rappresenta anche un’occasione di formazione e approfondimento su tematiche legate alla sostenibilità dell’esperienza di viaggio, asset sempre più prioritario tra le esigenze dei turisti di alta gamma”.

L’Italia, d’altronde, si conferma una meta di lusso esclusiva con il 20% di visitatori stranieri. È questo, infatti, uno dei dati più significativi che emergono dallo studio di Enit, condotto da Unioncamere con il supporto tecnico di Isnart. Oltre il 20% dei turisti stranieri sceglie le nostre destinazioni espressamente attratto dallo stile di vita italiano, associando al nostro Paese una 'allure' di esclusività.

“L’alto di gamma strizza l’occhio sempre di più all’attenzione alla sostenibilità. Le fasce del lusso si orientano così maggiormente alle buone pratiche per un turismo non impattante. Accogliere turisti altospendenti non solo arricchisce il settore turistico, ma sostiene anche attività locali, preservando il patrimonio artistico e culturale del paese. La bellezza senza tempo dell'Italia diventa così una risorsa sostenibile, unendo lusso e autenticità in un connubio che beneficia sia i visitatori che la nazione stessa. Il turismo altospendente rappresenta un elemento cruciale per l'economia italiana, contribuendo in modo significativo alla crescita finanziaria e al prestigio internazionale. L'Italia, con la sua ricca storia, cultura e bellezze paesaggistiche, offre un'esperienza unica per i turisti in cerca di raffinatezza ed esclusività”, ha dichiarato Ivana Jelinic, presidente e Ceo Enit.

Ma non solo Italia. Con i suoi 800 miliardi di euro fatturati nel 2022, il settore turistico in Europa rappresenta il 10% del valore dell’export totale e genera il 4% del Pil dell’Unione Europea. I dati, offerti dallo studio High-End Tourism condotto da Eccia (European Cultural and Creative Industries Alliance), illustrano anche che il turismo di alta gamma rappresenta il 2% delle strutture ricettive totali, genera il 22% del fatturato turistico europeo, concorre al 22% della spesa in alloggi e al 33% della spesa per cultura, intrattenimento e shopping. Una qualità, ma soprattutto un’esclusività che deve essere sostenuta da standard elevati, soprattutto nel comparto del lusso, adeguatamente certificati.

Nel mondo, si stima che esistano circa 140 Ecolabel a disposizione dei player ma solamente il 6,2% degli hotel può vantare una certificazione green. Tra queste spicca sicuramente Travelife, un’organizzazione con lo scopo di promuovere pratiche sostenibili nell’ambito dei viaggi e del turismo a cui aderiscono le principali associazioni di categoria europee (partner per l’Italia è Fiavet, la Federazione italiana associazioni imprese viaggio e turismo, cha fa capo a Confcommercio). “Il turismo sostenibile illustra una visione del mondo che si declina nel rispetto dell’ambiente e delle persone, intese sicuramente come comunità locali, ma anche come clienti, collaboratori e fornitori: è un metodo di gestione quindi che può e deve essere applicato a tutte le tipologie di turismo", ha sottolineato Livia Muto Nardone, esperta di sostenibilità per il turismo, coach e auditor per Travelife.

"Il percorso della certificazione Travelife, da questo punto di vista, non è mai un punto di arrivo, bensì - ha avvertito - l'inizio di una formazione costante sulle buone pratiche di sostenibilità che dà maggiore slancio alle scelte consapevoli che le sfide future ci richiederanno di fare. Il Report di sostenibilità, del resto, nonostante dal 2026 sarà obbligatorio solo per le pmi quotate in borsa, diventerà un documento sempre più richiesto e chi avrà iniziato a prepararsi su questi temi, si troverà sicuramente avvantaggiato. L'attenzione per la sostenibilità, inoltre, è ormai un requisito richiesto anche dal mercato e le certificazioni sono un efficace strumento per distinguersi dal greenwashing. Una garanzia per il 48% dei consumatori europei che, secondo un’indagine dell’Eurobarometer 2021, predilige gli operatori certificati e li riconosce tra tutti gli altri”.

Tra le certificazioni Travelife, quella sicuramente più ambita dalle strutture turistiche è la 'gold': l’iter per le organizzazioni prevede una prima adesione a Travel Life e, successivamente, la certificazione del rispetto di oltre 100 parametri che, ogni due anni, devono essere nuovamente certificati. Iter, questo, che in Italia sta portando avanti con successo il tour operator 'Viaggi dell’Elefante' che, nel mese di giugno di quest’anno, è diventato partner Travelife per certificare i propri marchi Exoluxury (Ecoluxury Retreats of the World, Ecoluxury Travel ed Ecoluxury Fair).

Tra i temi trattati nel corso del Forum, anche quello del 'digital detox', trend sempre più in crescita: se nel mondo dell’iper-connessione oggi il vero lusso è essere 'off line', anche il settore turistico si sta sempre più allineando a questa domanda, offrendo proposte in linea con spazi e tempi liberi dalla tecnologia per riconnettersi con se stessi e con l’ambiente circostante. Sempre più persone mettono la 'mental wellness' in cima alla lista delle loro priorità, nella vita e in vacanza: nel 2020 il mercato del benessere valeva 720 bilioni di dollari, nel 2025 si prevede un valore di oltre 1,3 trilioni(dati Fitt Insider) e i viaggi maggiormente in trend per i prossimi anni saranno per il 44% soggiorni spirituali, 36% benessere sperimentale, 40% riti del silenzio. “Siamo sempre più legati all’ambiente virtuale che alla realtà. Diventano quindi sempre più necessari 'momenti di introspezione', di pausa dagli input esterni”, ha sottolineato nel corso del forum Alessio Carciofi, professore e autore di marketing & digital wellbeing.

“Questo non è un lusso, ma un vero e proprio bisogno” ha continuato, spiegando come la mental wellness possa essere coltivata anche in vacanza attraverso attività 'rigenerative' come pratiche di yoga, tai chi, meditazione, ma anche pittura e piccolo artigianato. Piccole fatiche 'fisiche' per disintossicarci dalla fatica digitale. Nel settore del turismo di alta gamma, innovazione e sostenibilità si incontrano poi sul campo della smart mobility, come il cicloturismo e la bikeconomy, ad esempio, un segmento “che vale 500 miliardi ed è anche lusso e moda: l’Italia ha potenzialità enormi ma non c’è ancora la sufficiente consapevolezza per poterle sfruttare adeguatamente”, come ha ricordato, Gianluca Santilli, presidente e ideatore dell’Osservatorio Bikeconomy. “Se il lusso tradizionale resta al palo sul tema della sostenibilità rischia di uscire dal mercato di alta gamma- ha concluso Enrico Ducrot- Il modello Ecoluxury dimostra come si può utilizzare il turismo di alta gamma come laboratorio e ingente finanziatore della complessa e onerosa transizione verso la piena sostenibilità. Un contributo imprescindibile richiesto dal mercato che le istituzioni e l’offerta non possono più sottovalutare”, ha detto.

Nel corso della manifestazione Enrico Ducrot ha ricevuto da Antonio Percario, former president di Skal Roma e Membre d’Honneur Skal International, il premio 'Sustainable tourism quality award di skal Europe', “per il grande impegno nella realizzazione di prodotti turistici di alta qualità, preservando cultura e stili di vita locali, offrendo condizioni economiche eque e partecipando allo sviluppo sociale e culturale delle destinazioni”. L’Ecoluxury fair è iscritta nell’elenco delle manifestazioni riconosciute dalla Regione Lazio, gode del Patrocinio di Roma Capitale e si avvale del supporto del Convention Bureau di Roma e Lazio. Sponsor dell’evento è il Tourism Ireland.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza