cerca CERCA
Sabato 02 Marzo 2024
Aggiornato: 00:01
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Manageritalia-Confetra, rinnovato accordo dirigenti autotrasporto e spedizioni

19 maggio 2023 | 15.27
LETTURA: 2 minuti

Il contratto riguarda circa 800 dirigenti in 240 aziende, su un bacino potenziale di 108mila aziende presenti nel settore.

Manageritalia-Confetra, rinnovato accordo dirigenti autotrasporto e spedizioni

Firmato il rinnovo della parte economica del contratto nazionale di lavoro per i dirigenti delle aziende di autotrasporto e spedizione merci, di servizi logistici e di trasporto combinato. A sottoscrivere l’accordo il presidente di Manageritalia, Mario Mantovani e Carlo de Ruvo, presidente Confetra – Confederazione generale italiana dei trasporti e della logistica. Il contratto riguarda circa 800 dirigenti in 240 aziende, su un bacino potenziale di 108mila aziende presenti nel settore.

"Un accordo equilibrato che consentirà, almeno in parte, ai dirigenti coinvolti di recuperare l’impennata dell’inflazione avvenuta nell’ultimo periodo senza gravare eccessivamente sulle imprese" così Mario Mantovani, presidente di Manageritalia che prosegue: "Con la firma di oggi aggiungiamo un altro piccolo ma importante tassello all’azione condotta in questi anni da Manageritalia a tutela dei diritti dei dirigenti italiani dopo la formazione introdotta nel 1992, la long term care nel 2001, il welfare aziendale per tutti e le nove politiche attive soprattutto in periodo come questo caratterizzato da aspettative decrescenti e inflazione".

"L’accordo - spiega Carlo De Ruvo, presidente di Confetra - completa il rinnovo del ccnl dirigenti trasporti aggiungendo la parte economica agli interventi di natura normativa già messi in campo due anni fa. Penso che sia stato fatto un buon lavoro che realizza un mix equilibrato tra aumenti e servizi welfare a favore dei dirigenti. Devo dare atto a Manageritalia del senso di responsabilità mostrato in questi anni tutt’altro che facili scegliendo di non stressare la trattativa ma di accompagnarla lungo un percorso a tappe che alla fine si è rivelato soddisfacente per tutti".

Si tratta di un accordo di natura prettamente economica, visti gli interventi già attuati sulla parte normativa con l’accordo di proroga del ccnl, sottoscritto 21 luglio 2021. Nello specifico, l’accordo sottoscritto oggi prevede: un importo una tantum di 1.500 euro da corrispondere nel 2023 a un aumento contrattuale di 450 euro lordi mensili entro luglio 2025.

E' inoltre prevista la destinazione di 1.300 euro annui alla piattaforma welfare dirigenti terziario, spendibili in beni e servizi di welfare. Un adeguamento contrattuale che consente, almeno in parte, ai dirigenti di recuperare l’impennata dell’inflazione avvenuta nell’ultimo periodo, senza gravare eccessivamente sulle imprese. Un risultato ottenuto grazie al profondo lavoro di analisi su tutte le opzioni normative disponibili.

L’accordo è la logica prosecuzione e completamento dell’intesa del luglio 2021 che, tra le altre cose, ha introdotto il welfare aziendale, i servizi di politiche attive ed è intervenuto sulla normativa dei fondi ed enti contrattuali.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza