cerca CERCA
Giovedì 22 Febbraio 2024
Aggiornato: 12:53
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Moschino compie 40 anni, lo show è una pièce teatrale

21 settembre 2023 | 22.29
LETTURA: 3 minuti

Il brand del gruppo Aeffe chiama 4 stylist a reinterpretare i 10 anni di Franco Moschino alla guida del brand omonimo. In passerella anche il primo violino del Teatro alla Scala

Alcuni capi della collezione realizzata da Gabriella Karefa-Johnson per la spring-summer 2024 di Moschino
Alcuni capi della collezione realizzata da Gabriella Karefa-Johnson per la spring-summer 2024 di Moschino

E’ una pièce teatrale lo show di Moschino pensato per celebrare i 40 anni dalla fondazione del brand. “40 years of love”, ripensati da quattro famose stylist: Carlyne Cerf de Dudzeele, Gabriella Karefa-Johnson, Lucia Liu e Katie Grand. Ognuna di loro è stata chiamata dalla griffe del gruppo Aeffe a realizzare la primavera-estate 2024 avendo a disposizione 10 look ciascuna. Così le quattro stylist hanno scavato nell’archivio di Franco Moschino, scomparso prematuramente nel 1994, dando vita a una collezione ispirata ai modelli iconici dello stilista dal 1983 al 1993. Una collezione che non ha bisogno di presentazioni.

Al Superstudio maxi quando il sipario rosso si apre lo show teatrale può iniziare. Atto Primo. Spetta a Carlyne Cerf de Dudzeele reimmaginare i capi classici più amati da Franco, riproponendoli in una versione chic e giocosa. Bon chic bon genre, come nel lungo abito dolcevita o nelle spille di cristalli che brillano in pedana. L’atto secondo è affidato invece a Gabriella Karefa-Johnson, che ammette di aver conosciuto il lavoro di Franco Moschino tramite Internet e i social media, e che per l’occasione ha reimmaginato i cappelli da cowboy, le catene gli orecchini oversize, i pois, e gli abiti all'uncinetto. "Ho fatto molto affidamento sull'idea di ricreare e cambiare gli stili delle sfilate dei primi anni '90 per aggiornare la silhouette, ma volevo comunque che quell'energia restasse intatta in tutta la sua forza” spiega la stylist.

Lucia Lia entra in scena nell’atto terzo e lavora sulla stratificazione. A spiccare il lungo abito con l'imponente gonna fatta di fiocchetti rosa e la t-shirt 'Protect me from the Fashion System'. Il quarto atto è show allo stato puro e il risultato è esplosivo. Sotto il segno dello slogan ‘Loud Luxury’ la stylist modella i capi su ballerini d'elite, coreografati da Wayne McGregor, direttore artistico di Studio Wayne MeGregor e resident choreographer del Royal Ballet di Londra. La musica diventa martellante e i ballerini si esibiscono in passerella fasciati in costumi, tutine e t-shirt, sfilate e lanciate in pedana. "Le sfilate di Franco erano sempre concettuali - dice Grand -. Questo era il fascino intrinseco che esercitavano su di me. Quindi ho voluto che anche la mia parte dello show fosse concettuale. In tutta quella confusione, tutti hanno qualcosa da dire, spesso ce lo dimentichiamo".

L’atto finale è un colpo di scena: Laura Marzadori, primo violino del Teatro alla Scala, sale in pedana e interpreta con le corde ‘I am what I am’ brano di Gloria Gaynor amatissimo da Franco Moschino, in omaggio al finale della sfilata Moschino fall-winter 1986. Prima che il sipario cali le modelle si fanno largo in passerella indossando jeans e una t-shirt bianca in edizione limitata, disponibile per il see-now buy-now da stasera, online e nella boutique di Via della Spiga. Un ulteriore omaggio all’impegno del fondatore del brand nella beneficenza, in particolare per la sensibilizzazione sull’Hiv. Il 100% del ricavato andrà alla Elton John Aids Foundation. (di Federica Mochi)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza