cerca CERCA
Martedì 05 Marzo 2024
Aggiornato: 04:37
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Versace, il nuovo bon ton

24 settembre 2023 | 10.33
LETTURA: 2 minuti

La collezione, fresca e sofisticata, va in scena a Milano. E in passerella spunta la super top Claudia Schiffer

L'uscita finale della spring-summer 2024 di Versace
L'uscita finale della spring-summer 2024 di Versace

E' il volto dell'eleganza bon ton quello che Donatella Versace manda in passerella per raccontare la sua spring-summer 2024. Mini dress da bambola, fiocchetti e ballerine flat. La nuova donna della griffe della Medusa veste un guardaroba fresco e sofisticato, fatto di tailleur di tweed e twin-set e dell'iconica stampa a scacchi, lanciata dal marchio nel 1982 e che oggi ritorna audacemente nei toni pastello.

"Grafica e leggera. Questa è un'estate Versace all'insegna del colore e della brillantezza, della sartorialità e dei drappeggi morbidi - dice Donatella Versace -. Adoro il contrasto tra i tailleur dal taglio geometrico e le trasparenze degli abiti da sera, il tweed dai colori pastello opachi e lo scintillante metal mesh. Le tecniche artigianali dell'Atelier sono applicate per realizzare capi estremamente raffinati. Questa collezione è allegra e tagliente. La donna Versace è libera e vibrante. L'uomo Versace è sicuro e audace". In passerella le silhouette sartoriali dell'autunno-inverno 2023 acquistano leggerezza ed eleganza. Le scollature diventano tridimensionali, nelle giacche senza colletto e nei bustier. I capi intrecciati e annodati, ispirati alla collezione primavera-estate 1995 dell'Atelier Versace, danno nuova vita all'eredità del marchio ridefinendo le forme di abiti e top in georgette e jersey trasparente. Il denim diventa sartoriale, con inserti in metal mesh o con applicazioni di perle e metallo. Piccoli fiocchi décor impreziosiscono stivali e décolleté ma spuntano anche dai capelli. La novità di stagione è la ballerina Gianni Bow, che segna la prima volta in cui la maison apre una sfilata con scarpe flat.

In passerella il mood è squisitamente anni Sessanta, riattualizzati in un gioco di tessuti e trasparenze. Non mancano le giacche sartoriali, le camicie di seta e gli shorts. Il tailoring maschile è impeccabile, come nelle giacche e nelle camicie dalla vita stretta indossate con pantaloni larghi e svasati. La star della sfilata? Indubbiamente la super top Claudia Schiffer che chiude come nel 1995 esce in scena e lascia tutti a bocca aperta fasciata in uno slip dress a scacchi tra gli sguardi rapiti dei presenti. (di Federica Mochi)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza