cerca CERCA
Martedì 25 Giugno 2024
Aggiornato: 05:01
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Berlusconi: "Sono sempre stato e sto dalla parte dell'Ucraina"

Il leader di Forza Italia: "Mia speranza è per soluzione diplomatica, ho solo suggerito piano Marshall per mettere fine a guerra pericolosa"

Fotogramma
Fotogramma
14 febbraio 2023 | 22.09
LETTURA: 2 minuti

"Guardiamo ai fatti. Noi abbiamo sempre sostenuto il popolo ucraino, abbiamo sempre votato in Italia e in Europa senza esitazioni e tentennamenti il sostegno all’Ucraina con l'invio di finanziamenti e di armi". Lo dice Silvio Berlusconi, che in un post su Facebook torna a parlare del conflitto tra Russia e Ucraina dopo le polemiche seguite alle affermazioni del Cav sull'incontro tra la premier Giorgia Meloni e il presidente ucraino Volodymyr Zelensky.

"Io - assicura quindi Berlusconi - sono sempre stato e sto dalla parte del popolo ucraino e della pace. La mia speranza è quella che si possa trovare presto una soluzione diplomatica a questa guerra molto pericolosa per tutti noi. Ho semplicemente suggerito un grande Piano Marshall dell’Occidente per la ricostruzione dell’Ucraina, come possibile via diplomatica per mettere fine a questo conflitto voglio ripeterlo, molto pericoloso per tutti noi", conclude il leader di Forza Italia.

RONZULLI: "BERLUSCONI UOMO DI PACE" - "Sostenere che il presidente Berlusconi possa in qualche modo cedere alle narrazioni di Putin è fuorviante e non riflette la sua storia politica, oltre che la trentennale testimonianza di uomo di pace. Uno statista che proprio in favore della pace ha sempre cercato di mediare, di incoraggiare, di invitare al senso di responsabilità", dice quindi la presidente dei senatori di Forza Italia Licia Ronzulli.

"Come già ribadito, nessuno ha negato che la Russia fosse l’aggressore e l’Ucraina il Paese aggredito. Paese al quale il presidente Berlusconi, e con lui Forza Italia, non hanno mai fatto mancare il sostegno, come dimostrano i voti favorevoli espressi con convinzione assoluta ai sei decreti per l’invio di armi -prosegue Ronzulli-. Né lo faranno mancare quando si tratterà di votare il settimo".

"Allo stesso modo, il presidente Berlusconi ha sempre mantenuto una linea, mai messa in discussione, totalmente a favore del governo italiano, dell’Europa, dello stesso Ppe, della Nato e degli Stati Uniti. Questo, tuttavia, non significa non provare a cercare soluzioni che possano portare alla pace, per evitare quella spirale di violenza dalle conseguenze inimmaginabili. E’ con questo solo e unico obiettivo che il presidente Berlusconi ha invitato a una riflessione”, conclude.

Leggi anche
Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza