cerca CERCA
Mercoledì 21 Febbraio 2024
Aggiornato: 00:14
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Meloni alla Camera, polemica con opposizioni: "Dette falsità, su Cutro calunnie"

22 marzo 2023 | 12.06
LETTURA: 2 minuti

La replica della premier agli attacchi in Aula: "Quando si ha bisogno di dire cose non vere non si ha molto da dire su quello che è vero"

Meloni alla Camera, polemica con opposizioni:

"Ho sentito una grande quantità di cose false, la considero una buona notizia, perché quando si ha bisogno di dire cose non vere non si ha molto da dire su quello che è vero". A dirlo, dopo gli interventi in Aula dalla mattinata, la presidente del Consiglio Giorgia Meloni nella sua replica alla Camera in vista del Consiglio europeo. "Dall'inizio del mio mandato - ha continuato la premier - l'Italia ha salvato 36.500 persone in mare. Siamo stati lasciati soli a fare questo lavoro, delle volte al di fuori dei confini nazionali, e raccontare al cospetto del mondo che lasceremmo bambini morire nel Mediterraneo e davanti alle coste calabresi è una calunnia non nei confronti del Governo, nei confronti dello Stato italiano, degli uomini e delle donne delle Forze dell'Ordine che stanno facendo sacrifici enormi, nei confronti del nostro intero sistema. O volete dire che ci sono uomini delle Forze dell'ordine che non salverebbero bambini - chiede - perché gli dà questa indicazione il Governo? È una mancanza di rispetto anche verso di loro".

''Il governo non ha mai negato la segnalazione di Frontex, abbiamo sempre detto che la segnalazione di Frontex era una segnalazione di polizia: era la segnalazione della presenza di una nave ma non della situazione di difficoltà della nave. Evidentemente è la vostra versione che non torna, non la nostra...''. Basta, chiede Meloni, ''dire falsità''.

''Noi siamo quelli ad oggi che in rapporto agli sbarchi sono riusciti potenzialmente a salvare più persone. I dati - afferma ancora la premier -smontano una certa propaganda e ci viene riconosciuto anche dalla Commissione Europea''.

"L'unico modo possibile per impedire tragedie come quelle di Cutro - aggiunge - è fermare le partenze illegali. E questo è esattamente il lavoro che il governo sta cercando di fare con un piano articolato rispetto al quale non mi sembrano chiare le alternative proposte...''.

"Non possiamo accettare che l'Italia diventi il campo profughi d'Europa. Sicuramente il Regolamento di Dublino va rivisto - afferma quindi Meloni -, ma non è una soluzione per l'Italia. Credo che serva un approccio più globale, penso che non possa prescindere da una cooperazione con i Paesi africani".

Sulle soluzioni del governo per fronteggiare l'emergenza migranti, l'Aula rumoreggia. E la premier sbotta: "E va bene, non gli piace il piano Mattei, non vogliono investire in Africa...".

Sul blocco navale, continua quindi la premier, "non ho cambiato idea, lavoro per una missione europea che blocchi le partenze in accordo con le autorità nord africane, portando cooperazione allo sviluppo, investimenti, lavoro, formazione".

Leggi anche
Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza