cerca CERCA
Martedì 23 Aprile 2024
Aggiornato: 13:10
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Migranti, Meloni: "Opposizione usa morti naufragio per propaganda"

21 marzo 2023 | 11.59
LETTURA: 11 minuti

La premier in Senato per le comunicazioni in vista del Consiglio Ue: "Su Cutro avete stabilito un colpevole senza avere prove, ma ho coscienza a posto. Io sono una madre"

Fotogramma
Fotogramma

"Noi oggi siamo davanti a un fenomeno che ha un impatto che non aveva in passato, oggi il problema è enorme" e "facciamo ogni giorno tutto il possibile mentre altri muovono accuse inaccettabili". Sulla tragedia di Cutro e su quella avvenuta in acqua libiche "la mia coscienza è perfettamente a posto, spero lo sia anche quella di chi usa povera gente per fare propaganda". Così la premier Giorgia Meloni, in Aula al Senato per la replica alle comunicazioni in vista del Consiglio europeo del 23 e 24 marzo. Rivolgendosi quindi alla senatrice dem Tatiana Rojc -"mi scuso se mi sono rivolta a lei direttamente, è un retaggio dei mie anni in Aula", dice Meloni scusandosi con la presidenza -, la premier ha poi affermato: "Lei citando Pasolini ha detto che 'tutti sappiamo chi è il colpevole ma non abbiamo le prove'. Ebbene, voi avete stabilito un colpevole senza avere prove. Non ci sono prove che il governo potesse fare di più, se avesse potuto farlo lo avrebbe fatto come fa ogni giorno, con una media di 2.000 salvataggi" al dì". "Io sono una madre, una madre - scandisce il premier -. Quando noi, al cospetto dell'Ue, diciamo che l'Italia non li ha voluti salvare vanifichiamo gli sforzi che stiamo facendo, perché se si continua a lasciare l'Italia sola" a fronteggiare i salvataggi in mare "sfuggirà sempre qualcosa, qualcosa sempre andrà storto. Ma la mia coscienza, lo ribadisco, è perfettamente in ordine".

"Rispetto alla collega che parlava di Visegrad - ha poi aggiunto Meloni -, credo che il manuale degli slogan vada aggiornato. Vedete, i Paesi Visegrad stanno accogliendo milioni di profughi ucraini e lo stanno facendo da soli. Se qualcuno venisse al consiglio Ue, scoprirebbe che tra quelli che chiedono muri c'è il governo austriaco, che è retto anche dai Verdi".

"Confesso - ha aggiunto - che sul tema immigrazione non mi è chiara la proposta che si leva dai banchi delle opposizioni. La senatrice Lorefice dice che occorre sicuramente fermare gli scafisti, cooperare con l'Africa, lavorare su un decreto flussi: ebbene, è esattamente quello su cui lavora il governo", impegnato "a colpire il traffico di essere umani", ma anche a instaurare "un diverso rapporto tra Ue e paesi africani", nel nome di quel "piano Mattei che ci sta vedendo andare in giro in lungo e in largo, portando investimenti e chiedendo a Ue di investire sull'Africa", perché "la risposta più efficace è metterli nelle condizioni di vivere delle molte risorse che hanno, con un approccio non predatorio ma da pari a pari", puntando su "investimenti, lavoro e formazione".

E ancora: "Non andrò mai in Europa a sostenere e a chiedere un decreto flussi europei. Vi segnalo che gli altri stati membri i flussi ce li hanno, è l'Italia che li ha azzerati perché le quote sono coperte da chi in Italia entra illegalmente. E questo equivale a dire che i flussi sono nelle mani degli scafisti, a mio avviso irragionevole. Noi riapriamo i flussi, li immaginiamo triennali, diamo una prospettiva e lavoriamo con i paesi africani. Mi pare un ragionamento sensato, non vedo proposte alternative o forse non le ho comprese".

MIGRANTI - "Ho scritto ai leader europei per ribadire che noi non possiamo attendere oltre, non possiamo aspettare inermi il prossimo naufragio", ha detto in Aula al Senato la premier. "Le frontiere marittime dell'Italia sono le frontiere dell'Europa, che è chiamata a difendere quelle frontiere", ha rimarcato la presidente del Consiglio. E' necessario per Meloni il "coinvolgimento degli Stati di bandiera delle Ong nelle operazioni Sar" e "gli Stati di bandiera che finanziano le Ong devono assumersi le responsabilità che il diritto del mare attribuisce loro", ha continuato.

Un "tema centrale" del prossimo Consiglio Ue è quindi "quello dell'immigrazione, un tema che il nostro governo ha ottenuto che venisse discusso in gran parte nell'ultimo Consiglio europeo. Noi siamo di fronte a un'emergenza che sta diventando strutturale, è una definizione che può sembrare un "ossimoro è la fotografia" di quel che sta accadendo. "Stiamo assistendo a una pressione migratoria senza precedenti", "come ben dimostra la tragedia di Cutro", l'immigrazione "è il primo banco di prova" per l'Europa, ha spiegato la premier.

Meloni ritiene che "adeguati stanziamenti" di fondi europei debbano essere "dedicati a contrastare i flussi irregolari lungo le rotte del Mediterraneo centrale" così come è stato fatto con la Turchia.

Nella battaglia da condurre in Europa sul dossier immigrazione "sono certa di avere dalla mia la maggioranza degli italiani, e spero anche di avere la più ampia maggioranza" in Parlamento, "anche delle opposizioni. Perché, vedete, la battaglia politica si può efficacemente fare senza dipingere l'avversario come un mostro. C'è un limite che non andrebbe mai oltrepassato, il limite che, per gettare ombre sull'avversario, si finisce per mettere in cattiva luce l'Italia, mettendo in dubbio anche l'operato" delle forze dell'ordine e di polizia, della marina, della guardia Costiera e della guardia di finanza, nonostante l'"Italia si stia assumendo responsabilità che sarebbero anche di altri", ma colpendo l'Italia "si finisce anche per indebolire la nostra capacità negoziale", ha aggiunto Meloni.

"Quindi criticate ferocemente il governo, me e le scelte che questo governo sta portando avanti, i nostri provvedimenti - dice il premier - ma fermatevi un secondo prima di danneggiare l'Italia, perché questo fa la differenza".

"Rendere effettive le procedure di rimpatri degli irregolari è un tema che abbiamo posto con forza e che sta molto a cuore dell'Italia", sui risultati ottenuti "non possiamo dirci ancora soddisfatti". Rispetto allo "stato di attuazione degli accordi assunti 5 settimane fa - ha aggiunto - l'Italia intende ribadire che non c'è più un minuto da perdere: è questo il momento di agire, è questo il momento di lavorare a soluzioni".

"Vigileremo affinché" l'azione europea sul dossier migranti "sia effettivo, rapido e incisivo: non vogliamo più piangere morti nel Mediterraneo, non vogliamo più che gli ingressi dei migranti siano decisi da mafie scafisti".

"Ho visto molte polemiche sul ruolo che il conflitto in Ucraina può giocare nella destabilizzazione del continente africano: sono temi che richiedono concentrazione e attenzione. Abbiamo visto come i flussi siano stati utilizzati come arma di ricatto, penso ai confini tra Polonia e Bielorussia poco prima che scoppiasse la guerra, credo sia una particolare situazione che richiede un approccio approfondito", ha continuato.

Migranti, lettera Ue ai 27 Stati. Meloni sente Scholz

UCRAINA - "Questo governo non ha mai fatto mistero di voler aumentare i propri stanziamenti in spese militari, come del resto hanno fatto i governi precedenti senza il coraggio di metterci la faccia. Noi non abbiamo paura di dire che rispettare gli impegni assunti è vitale per la nostra credibilità e sovranità nazionale", ha poi detto la premier intervenendo a Palazzo Madama sul conflitto russo-ucraino. "La libertà - ha rimarcato la presidente del Consiglio - ha un prezzo: se non ti difendi tu lo faranno altri, ma non gratuitamente". "Giudico puerile - ha poi aggiunto - la propaganda di chi racconta che l'Italia spende soldi inviando armi sottraendo risorse alle necessità degli italiani, è falso e in questa Aula lo sappiamo tutti. L'Italia sta inviando" all'Ucraina "armi di cui è già in suo possesso e che per fortuna non dobbiamo utilizzare, e le inviamo anche per tenere lontana la guerra da casa nostra. Raccontare agli italiani il contrario è una menzogna che intendo chiamare col suo nome".

"Le pressioni esercitate su Mosca sono fondamentali per assicurare il rispetto del diritto internazionale e favorire il percorso negoziale per il raggiungimento di una pace giusta", condizioni "che non sono ancora maturate ma che dobbiamo perseguire con tenacia", ha quindi sottolineato.

"Questo governo è abituato a difendere l'interesse nazionale: non abbiamo mai fatto mistero di voler aumentare i propri stanziamenti in spese militari, come hanno fatto i governi precedenti, magari di soppiatto, senza metterci la faccia. Noi la faccia ce la mettiamo convinti che rispettare gli impegni sia vitale per tutelare la sovranità nazionale. La libertà ha un prezzo: se non sei in grado di difenderti lo fanno altri ma lo faranno imponendo un prezzo", ha aggiunto la premier.

"L'unità dell'Europa sulla guerra di aggressione russa è fondamentale: l'Ucraina non sta difendendo solo la propria terra, ma sta difendendo i valori di libertà e democrazia su cui si fonda il progetto europeo", che sono il "fondamento del diritto internazionale, senza il quale" prevarrebbe "il diritto del più forte", ha detto.

"Con la mia presenza a Kiev ho testimoniato il pieno sostengo all'Ucraina, un sostegno che verrà assicurato in ambito militare, civile umanitario senza badare all'impatto che queste scelte possono avere sul consenso, sul gradimento della sottoscritta. Continueremo a sostituire l'Ucraina perché è giusto farlo".

L'Italia ha "formalizzato un sesto pacchetto aiuti militari", con invio di armi che "rafforzano soprattutto le difese aeree" di Kiev, questo "significa difendere i civili dai bombardamenti, fornire all'Ucraina uno scudo, sperando che l'Ucraina non si pieghi dopo esser stato privato dell'acqua e dell'elettricità".

Sarà "centrale anche il tema della futura ricostruzione dell'Ucraina, sulla quale credo che il sistema Italia sia pronto a dare il suo contributo", ha detto ancora in Aula.

UE - "Il prossimo Consiglio europeo, il terzo dal giuramento del governo, ha in agenda sfide prioritarie per l'Ue", già "al centro del dibattito del 9-10 febbraio scorsi", dunque Ucraina, immigrazione, energia e contraccolpi per le imprese europee. "In questa fase complessa, l'Ue è chiamata al compito più arduo degli ultimi decenni, garantire la sicurezza del continente minacciato dall'aggressione russa all'Ucraina, proteggere il nostro tessuto economico, predisporsi al cambiamenti radicali che potrebbero profilarsi a livello internazionale". Il tutto guardando ai "valori che ispirano", l'Ue, "ma che questo tempo ci ha insegnato a non dare per scontati", ha detto la premier.

L'Europa, ha sostenuto Meloni, deve rispondere alle sfide che ha davanti, "con visione e tempestività" e "l'Italia ha tutte carte in regole per recitare in Ue un ruolo da protagonista e non da comprimario". "La voce dell'Italia - ha aggiunto - è e sarà sempre più forte in Europa nei prossimi anni, perché questo è il mandato che abbiamo avuto. L'Italia vuole tornare a essere protagonista, anche per rafforzare e migliorare la casa europea", ha sottolineato, per poi aggiungere: il nuovo quadro temporaneo degli aiuti di Stato "non deve creare disparità e deve prevedere aiuti circoscritti e temporanei".

"La flessibilità necessaria sull'utilizzo dei fondi esistenti, Pnrr compreso, si accompagna all'altro grande tema oggi sul tavolo, decisivo per l'Italia: la revisione del Patto di stabilità e crescita. C'è ancora tanto da fare ma riteniamo fondamentale arrivare entro il 2023 a nuove regole per dotarsi di principi credibili, realistici e coerenti con la situazione post Covid", ha detto ancora.

"Stabilità e crescita - ha proseguito Meloni - meritano finalmente un equilibrio effettivo. Noi abbiamo avuto un Patto di stabilità e crescita che negli anni passati era molto più attento al tema della stabilità, oggi abbiamo bisogno di attenzione al tema della crescita: questa deve essere la nostra priorità". "Il tempo dell'austerità è finito. E il percorso di riequilibrio dei bilanci pubblici degli Stati più indebitati non dovrà sacrificare la dimensione dello sviluppo economico. La crescita economica stabile e duratura è l'unica vera garanzia di sostenibilità del debito pubblico", ha rimarcato la presidente del Consiglio.

"C'è una politica che ha due facce, una faccia la usa quando bisogna trovare soluzioni, trattando nei consessi internazionale, e un'altra faccia" entra in campo "quando si fa propaganda. Tutti facciamo propaganda, ma io metto la faccia sulle scelte che faccio. Qualcuno ha detto che io andrò in Europa a prendere ordini. Ebbene, questo qualcuno non mi vedrà mai farlo: preferisco piuttosto dimettermi, ma non andrò mai in Europa con i toni che Conte usava al cospetto di Angela Merkel, dicendo che quelli del M5S erano ragazzi ma alla fine avrebbero fatto quello che gli si diceva... Preferisco dimettermi che rappresentare una nazione del genere", ha poi detto nella replica alle comunicazioni.

ENERGIA - "La decisione dell'Ue, fortemente lavorata e perseguita dall'Italia, di fissare un tetto massimo al prezzo del gas, ha interrotto i fenomeni speculativi ai quali avevamo assistito nei mesi scorsi, con un enorme beneficio per le imprese e le famiglie italiane ed europee. Ed è in gran parte merito dell'Italia che, una volta tanto e a 360 gradi, è riuscita a lavorare insieme. Penso che, su questo, tutti quanti dobbiamo essere fieri di noi". Così il premier Giorgia Meloni in Aula.

GREEN - "Il processo verso l'economia verde deve essere sostenibile dal punto di vista sociale ed economico. Per questo ci opponiamo a proposte come il regolamento sulle emissioni di anidride carbonica delle auto e la direttiva sull'efficientamento energetico degli edifici", provvedimenti che "rischiano di esporci a nuove dipendenze strategiche proprio quando stanno andando in porto gli sforzi per liberarci dalla dipendenza dal gas russo", ha detto ancora.

La direttiva sull'efficientamento energetico degli edifici "rischia di diventare una tassa patrimoniale sugli italiani". Lo dice poi, rivolgendosi al M5S nella replica. "Determinati obiettivi devono essere perseguiti con una sostenibilità di fondo, sia sul piano sociale che su quello economico", sottolinea Meloni.

"Condividiamo gli obiettivi della transizione verde, di azzerare le emissioni di CO2 nel 2035. L'Europa può stabilire gli obiettivi ma non è lei che può dire come raggiungerli", dice, aggiungendo: "Non cambio idea sul tema dell'elettrico e su alcune posizioni che secondo me hanno un approccio troppo ideologico nell'affrontare materie molto pragmatiche, e che rischiano di assecondare quel processo che sull'altare della decarbonizzazione ci consegna dritti alla deindustrializzazione".

Leggi anche
Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza