cerca CERCA
Venerdì 24 Maggio 2024
Aggiornato: 16:12
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Migranti, Salvini: "Germania paga Ong per portarli in Italia"

"Non escludo nessun tipo di intervento. Non possiamo assistere a scene atroci di questo genere"

Matteo Salvini - (Fotogramma)
Matteo Salvini - (Fotogramma)
14 settembre 2023 | 22.24
LETTURA: 1 minuti

''Ci sono istituzioni tedesche che danno milioni di euro a Ong tedesche per portare i migranti in Italia. E' un fatto''. Lo ha detto il vicepremier Matteo Salvini, ospite di 'Stasera Italia' su Retequattro, rispondendo alle domande sull'emergenza migranti, dopo i migliaia di arrivi a Lampedusa con la raffica di sbarchi degli ultimi giorni.

Per arginare immigrazione illegale è favorevole anche all'uso della Marina militare? "Io penso che non si debba escludere nessun tipo di intervento... Ho stima in Crosetto, ho fiducia in Tajani e Piantedosi, stiamo facendo un lavoro di squadra. Non escludo, ripeto, ogni genere di intervento. Non possiamo assistere a scene atroci di questo genere. Occorre in ogni Regione un centro per le espulsioni...", ha aggiunto il ministro delle Infrastrutture. ''Ci sono tanti modi per bloccare, ridurre un flusso: a mali estremi, estremi rimedi'', ha insistito il leader della Lega.

''I numeri degli sbarchi, quando ero ministro del'Interno, sono stati ridotti del 90%. E questo mi ha portato l'affetto di milioni di italiani e anche un processo. Sono collegato infatti stasera da Caltanissetta, perchè domani sono a processo... Penso di essere stato l'unico ministro in tutto il mondo occidentale che si è occupato degli sbarchi irregolari ed è stato mandato a processo. Mi disturba di dove perdere due tre giorni a mese di lavoro per i processi... Perdere mesi e ore per un processo politico togliendo del tempo alla mia famiglia e ai miei figli, mi fa girare le scatole...'', ha proseguito.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza