cerca CERCA
Mercoledì 29 Maggio 2024
Aggiornato: 21:55
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Pnrr, Palazzo Chigi a Ue: "Controlli adeguati, non alimentare polemiche strumentali"

In una nota in 7 punti il governo replica a portavoce della Commissione: "Alla Corte dei conti controllo successivo e non concomitante, disciplina attuata"

Pnrr, Palazzo Chigi a Ue:
02 giugno 2023 | 22.43
LETTURA: 4 minuti

Una nota in 7 punti per rispondere con "osservazioni di merito e di metodo" all'Europa. E' quella diffusa da Palazzo Chigi "in riferimento alle dichiarazioni di un portavoce della Commissione europea sulle norme riguardanti la Corte dei conti e i controlli sul Pnrr.

1. Sulla necessità dei controlli. Il Governo condivide il fatto che "il Recovery necessita di un quadro di controlli che siano adatti e proporzionati alla sua natura unica e in modo che i programmi di spesa si basino sull’efficienza". L’azione del governo si basa su questo principio. 2. Sul pre-giudizio non informato. Il portavoce afferma che la “Commissione europea non commenta i progetti di legge”, ma subito dopo - senza alcun approfondimento di merito - lo stesso portavoce della Commissione fa seguire delle considerazioni che alimentano polemiche politiche strumentali che non corrispondono alla realtà". Si legge nella nota di palazzo Chigi che prosegue: "3. Sulle modifiche inesistenti. Le norme proposte dal Governo - approvate ieri dalla Commissione parlamentare nel D.L. Pubblica Amministrazione - non modificano quanto già concordato tra Commissione europea e Governo italiano, le norme in discussione non intervengono su quanto previsto dal D.L. 77 del maggio del 2021.

4. Sulla disciplina dei controlli della Corte. Il primo decreto sull’attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza, tra i diversi aspetti, disciplina i controlli sui fondi del Pnrr da parte della  Corte dei Conti. Tale decreto, che rappresentava una specifica milestone del Pnrr, è stato rendicontato positivamente dalla Commissione. Tale norma non solo non viene in alcun modo modificata, ma è proprio la sua corretta attuazione che il governo vuol realizzare. Infatti all’art .7 comma 7, il decreto prevede: “La Corte dei conti esercita il controllo sulla gestione  di  cui all'articolo 3, comma 4, della legge 14 gennaio 1994 n. 20, svolgendo in particolare valutazioni di economicità, efficienza ed efficacia circa l'acquisizione e l'impiego delle risorse finanziarie provenienti dai fondi di cui al Pnrr. Tale controllo risponde ai criteri di cooperazione e di coordinamento con la Corte dei conti europea, secondo quanto previsto dall'articolo 287, paragrafo 3 del Trattato sul funzionamento dell'Unione europea”. La legge in questione (governo Draghi), quindi, affida alla Corte dei conti il controllo sui fondi Pnrr nella modalità del controllo successivo sulla gestione e non del controllo concomitante, con criteri di cooperazione e coordinamento con la Corte dei conti europea. Tale disciplina dei controlli della Corte dei conti sui fondi del Pnrr non solo resta in vigore, ma viene pienamente attuata".

"5. Sullo scudo erariale e la Commissione. Quanto alla proroga dello scudo erariale per funzionari e dirigenti pubblici, la norma è in vigore già da tempo e non ci sono mai state osservazioni da parte della Commissione. L’emendamento governativo approvato ieri ne proroga l’efficacia di ulteriori 12 mesi. Questa disciplina è rimasta in vigore per tre anni con due diversi governi, senza aver provocato alcun rilievo, siamo certi che la linea della Commissione non cambierà di fronte alla proroga di un altro anno decisa da un governo di diverso segno politico".

"6. Sulla cronologia degli atti parlamentari. La limitazione della responsabilità amministrativa dinanzi alla Corte dei conti fu prevista dall’art. 21, comma 2, del DL 16 luglio 2020 n. 76 (Governo Conte II). Tale limitazione, che aveva inizialmente un’applicazione limitata al 31 luglio 2021, è stata estesa, dapprima, dalla legge di conversione (sempre Governo Conte II) del medesimo decreto – legge n. 76 del 2020 (con il differimento di detto termine al 31 dicembre 2021) e successivamente dall’articolo 51, comma 1, lett. h), del decreto - legge 31 maggio 2021, n. 77, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 luglio 2021, n. 108 (Governo Draghi), che ha ulteriormente differito detto termine al 30 giugno 2023".

"7. Sui rapporti tra Governo e Corte dei conti. Ieri a Palazzo Chigi si è svolto un lungo, cordiale e proficuo incontro tra il Governo e la Corte dei conti. Nell’incontro è stata decisa all’unanimità l’apertura di un tavolo di lavoro per revisionare e definire meglio alcuni istituti relativi ai controlli sul Pnrr. 8. Sulla Costituzione, il diritto e la politica. Utili spunti sulla materia si possono trarre dalla lettura delle interviste di illustri costituzionalisti come Sabino Cassese, Cesare Mirabelli e Giancarlo Coraggio, che nelle ultime 24 ore hanno illustrato come l’intervento del Parlamento sia rispettoso della Costituzione, delle prerogative della Corte dei conti, improntato alla leale collaborazione tra le istituzioni". 

Il chiarimento del portavoce Ue: "Equivoco su mie parole"

"Si è creata confusione sulla mia risposta ad una domanda sulla bozza di legge relativa alla Corte dei Conti italiana. Ho detto che le autorità italiane hanno creato un'istituzione specifica per controllare l'uso dei fondi del NextGeneration Eu e che questo è ciò che la Commissione continuerà ad esaminare, poiché questo è ciò che è stato concordato con le autorità italiane", precisa all'Adnkronos il portavoce capo della commissione Ue, Eric Mamer, parlando di un “equivoco”, dopo la risposta di palazzo Chigi alle osservazioni sui controlli dei progetti del Pnrr.

Leggi anche
Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza