cerca CERCA
Sabato 13 Aprile 2024
Aggiornato: 17:06
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Salute, l'indagine: "Il 94% dei giovani chiede l'educazione affettiva e sessuale a scuola"

23 novembre 2023 | 14.12
LETTURA: 3 minuti

Ricerca Durex-Skuola.net, Zotti (Reckitt Benckiser) ‘dati a disposizione di governo e ordine psicologi'

(Fotogramma)
(Fotogramma)

L’educazione all’affettività e sessualità nel curriculum scolastico è richiesto dal 94% dei giovani italiani. Per oltre 7 ragazzi su 10 devono essere medici, psicologi ed esperti ad affrontare il tema a scuola e solo l’8% crede che le persone giuste siano gli insegnanti. Relativamente alle modalità, il 32% vorrebbe che la materia venisse affrontata attraverso gruppi di discussione, il 30% tramite lezioni frontali e il 16% usufruendo di sportelli di ascolto individuali con un esperto. Lo evidenzia la ricerca condotta da Durex, in collaborazione con Skuola.net, su un campione di 15mila giovani tra gli 11 e i 24 anni e che oggi rappresenta una delle poche attività di ricerca con cadenza annuale esistenti in Italia sul tema.

"Accogliamo con piacere - afferma Paolo Zotti, Amministratore delegato di Reckitt Benckiser Healthcare (Italia) Spa, che commercializza il brand Durex in Italia - che il tema dell’educazione all’affettività e alla sessualità sia al centro delle riflessioni del Governo, diventando oggetto di una prima proposta. È un segnale che mostra una direzione chiara, che non possiamo più ignorare: educare i giovani al rispetto di sé stessi e degli altri, alle relazioni sane, al consenso e alla sessualità libera, protetta e consapevole. Da oltre 6 anni - ricorda - abbiamo attivato un Osservatorio che ha come obiettivo quello di comprendere il livello di conoscenza dei metodi di contraccezione e di prevenzione delle infezioni sessualmente trasmesse da parte dei giovani italiani tra gli 11 e i 24 anni. Ci rendiamo fin da ora disponibili a dialogare con tutte le forze impegnate su questa tematica, siano esse istituzionali, politiche, sociali e medico-scientifiche".

"Mettiamo quindi a disposizione del ministero e dell’Ordine degli Psicologi - continua Zotti - i nostri dati, l’esperienza consolidata nel tempo e la forza comunicativa di Durex, un marchio in grado di rendere la comunicazione verso i giovani ancora più efficace, con l’obiettivo di contribuire a realizzare programmi di educazione affettiva e sessuale per tutti, che possano impattare positivamente la vita e la salute della comunità".

A questo proposito, Durex - ricorda una nota - ha recentemente avviato il progetto ‘A luci accese’ con un programma di educazione affettiva e sessuale dedicato alle scuole secondarie di secondo grado di Milano. L’obiettivo è di porre le basi per rapporti sani, fondati su rispetto, consenso e conoscenza di se stessi e di fornire informazioni chiare e corrette rispetto alla sfera della sessualità, sviluppando nuova consapevolezza relativa alle infezioni sessualmente trasmissibili e alla prevenzione, in particolare nei benefici dell’utilizzo del preservativo. 

‘A luci Accese’, curata dall’associazione no profit Ala Milano Onlus, che si occupa di tutela della salute e promozione del benessere delle persone, ha ricevuto il patrocinio del Comune di Milano ed è già attiva nelle scuole della città da ottobre, con l’obiettivo di raggiungere attivamente 23 mila studenti, con il supporto di esperti educatori/educatrici, psicologi/psicologhe e sessuologi/sessuologhe. Ciascuna delle scuole aderenti ha accesso a laboratori di educazione affettiva e sessuale, conferenze e incontri con esperti, docenti, genitori e personale scolastico, con momenti dedicati al feedback e alla restituzione al termine delle attività, al fine di valutare le conoscenze acquisite e il gradimento rispetto alle tematiche trattate. In queste occasioni sono inoltre proposte attività interattive (giochi, quiz, dibattiti, etc.) e momenti di riflessione e condivisione in piccoli e grandi gruppi, oltre a garantire uno spazio di ascolto non giudicante che faciliti l’emersione di domande e vissuti personali.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza