cerca CERCA
Venerdì 14 Giugno 2024
Aggiornato: 17:42
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Barillari picchiato da Depardieu in via Veneto finisce in ospedale. Il fotoreporter: "Lo denuncio" - Le foto esclusive

Scena da dolce vita all'Harry's bar: l'attore sorpreso a pranzo con la compagna lo aggredisce con tre pugni. Ma per l'avvocato dell'attore la colpa è del king dei paparazzi: "Depardieu è scivolato su di lui"

Depardieu al tavolo dell'Harry's bar e Barillari ferito dopo l'aggressione  - Adnkronos
Depardieu al tavolo dell'Harry's bar e Barillari ferito dopo l'aggressione - Adnkronos
21 maggio 2024 | 14.51
LETTURA: 5 minuti

Scene da dolce vita oggi, 21 maggio, a Roma. Scene brutte. Sono le 14 circa all'Harry's bar di via Veneto. Secondo quanto ricostruito da Adnkronos, Gerard Depardieu sta pranzando insieme alla compagna e ad altre quattro persone ai tavolini all'aperto dello storico locale della Capitale. La sua presenza non può passare inosservata al king dei paparazzi, Rino Barillari. Occhio veloce, scatto fulmineo, il king sfodera la sua macchina fotografica, si avvicina al tavolo e con il sorriso flasha i commensali.

Una sorpresa evidentemente non gradita: la compagna dell'attore francese tenta di bloccare il fotoreporter 79enne, gli afferra un braccio e lui cerca di divincolarsi, ma a quel punto Depardieu, prima gli tira del ghiaccio e poi, con uno scatto di reni inatteso per il suo fisico robusto, si avventa su Barillari, lo colpisce con tre pugni al volto, scaraventandolo a terra. (LE FOTO ESCLUSIVE)

Il fotoreporter è stato assistito dal titolare del locale, Piero Lepore, il primo a chiamare i soccorsi. Quindi, in ospedale per essere sottoposto alle cure del caso.

Il king dei paparazzi e l'aggressione

"Depardieu mi ha dato tre cazzotti in faccia. Mi fa male la testa oh, mica ho più 15 anni, ce ne ho 79". Racconta Barillari. "Oggi c'è sciopero dei taxi in città, quindi io sono arrivato in via Veneto a piedi - dice il fotoreporter del Messaggero - Di nascosto ho fotografato lui insieme a una ragazza bella, bellissima. Lei se n'è accorta e mi ha lanciato un po' di ghiaccio. Una cosa normale, i personaggi famosi sta scena la fanno sempre... Mai mi sarei aspettato però quello che è successo dopo: quando è uscita, infatti, è arrivata verso di me dicendo 'merd'. Io ho fatto un passo indietro e le ho sorriso. Ma poi è arrivato lui. Mamma mia quanto è grosso, non ho fatto in tempo a capire quello che stava succedendo che mi ha dato tre cazzottoni in faccia, mi fa male tutto il lato destro. Ho beccato la sveglia, qui è tornata la dolce vita da capo. A Cannes fanno il cinema e qui le stronzate".

"Adesso però so' affari suoi. Ora vado in ospedale, perché mi sa che mi so' rotto qualcosa e poi lo denuncio ai carabinieri. Aho' - dice - 'a guera è guera'".

La versione di Depardieu

"Il cosiddetto 're dei paparazzi' Rino Barillari, noto anche per le sue foto e per i suoi metodi aggressivi, ha spinto violentemente la compagna di Gérard Depardieu oggi nel cuore di Roma, Magda Vavrusova", scrive in una nota l'avvocato di Depardieu, Delphine Meillet, che, contattata dall'Adnkronos, ha sostenuto che la Vavrusava è rimasta "scioccata" dall'accaduto.

“Il fotografo mi ha spinto toccandomi il busto e il petto con il braccio. In questo momento in cui presento la denuncia provo ancora dolore, è stato violentissimo", ha dichiarato agli agenti della Questura di Roma ai quali ha sporto denuncia per violenza, secondo quanto riferisce Meillet, spiegando che la donna "è in ospedale, clinica ospedaliero-universitaria Policlinico Umberto I di Roma in questo momento" e che "questo fotografo, che non è al suo primo litigio, vanta quasi 170 emergenze mediche per aver litigato con celebrità che si rifiutavano di farsi fotografare".

Ricostruendo l'accaduto, l'avvocato Meillet poi spiega che "di fronte alla violenza della situazione, Gérard Depardieu, intervenuto tra i paparazzi e la sua compagna, è caduto ed è scivolato su di lui. Il famoso attore e la sua compagna sono saliti quindi in macchina, mentre il fotografo, nonostante tutto quello che era appena successo, persisteva nel tempestarli di foto. Barillari che in un'intervista ha risposto 'quando rincorri qualcuno e gli scatti una foto, cosa fai con quella foto? Hai bisogno di una storia. La lite era il momento della provocazione: se la persona rifiutava, le foto migliori le ottenevi quando la facevi arrabbiare', sarà perseguito per aver fabbricato la propria storia", conclude l'avvocato di Depardieu.

Gianni Riotta testimone

Testimone per caso dell'aggressione al king dei paparazzi, il giornalista Gianni Riotta. ''Stavo prendendo un caffè quando ho visto Gerard Depardieu aggredire all'improvviso Barillari'', racconta.

Si cercano filmati videosorveglianza

Intanto i carabinieri hanno identificato alcuni probabili testimoni e sono alla ricerca dei filmati delle telecamere che potrebbero aver ripreso quanto avvenuto nella tarda mattinata per chiarire la vicenda. Al momento, a quanto si apprende, la denuncia da parte del fotoreporter non sarebbe stata ancora formalizzata.

Il titolare dell'Harry's bar: "Non eravamo più abituati"

"Erano scene che succedevano fino a 15 anni fa: prima ci eravamo abituati, oggi sembra di essere tornati indietro nel tempo e veramente non ce lo aspettavamo", dice all'Adnkronos Piero Lepore, titolare dell'Harry's Bar di via Veneto.

"Depardieu stava mangiando esternamente con degli amici, erano in sei, è passato Barillari, lo ha visto e gli ha fatto un po' di foto - racconta Lepore - Mentre stava facendo le foto, la donna che era con lui gli si è scagliata addosso in una maniera incredibile, gliene ha dette di tutti i colori". A quel punto "è arrivato Depardieu senza dire niente, ha sferrato due cazzotti a Rino. Poi è salito nell'auto e sono andati via", racconta il titolare del celebre locale. "Siamo abituati ai personaggi famosi, ma non eravamo più abituati a queste scazzottate", conclude.

Leggi anche
Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza