cerca CERCA
Domenica 21 Aprile 2024
Aggiornato: 00:08
10 ultim'ora BREAKING NEWS

comunicato stampa

La start-up londinese Otermans Institute lancia il primo corso al mondo completamente alimentato dall' Intelligenza Artificiale con avatar al posto degli insegnanti

21 dicembre 2023 | 08.46
LETTURA: 2 minuti

LONDRA, 21 dicembre 2023 /PRNewswire/ -- Dopo aver lanciato lo scorso agosto 2023 la prima insegnante digitale al mondo, Otermans Institute, conosciuta anche come OI,  ha rilasciato una nuova intelligenza artificiale in grado di creare autonomamente e insegnare un intero corso di 9 lezioni a studenti universitari da ben 5 paesi, da remoto e in tempo reale.

 

 

Questi insegnanti digitali creano il contenuto didattico e adattano il proprio metodo di insegnamento personalizzandolo in base alle esigenze degli studenti.

Grazie alla tecnologia OIAI - il modello linguistico sviluppato dalla stessa start-up  - gli studenti potranno interagire e fare domande in ogni momento, ottenendo risposte in tempo reale. I dati elaborati dall'insegnante digitale vengono poi utilizzati per fornire un percorso di supporto ad-hoc per gli studenti, senza l'aiuto umano.

Il programma, ancora in fase sperimentale, e' stato introdotto in ben 5 paesi, attraverso l' Arab American University (Palestina), Bahria University (Pakistan), Ibn Haldun University (Turchia), Catholic University of Eastern Africa (Kenya) and Universidad de Las Américas (Cile).

I fondatori della start-up londinese, la dottoressa Pauldy Otermans e Dev Aditya, dichiarano: "Entro settembre 2024, espanderemo la nostra technologia di insegnamento con l'IA  a 40 università. Inoltre, siamo impegnati nel condurre diversi test su come OIAI possa essere integrato nelle piu' comuni piattaforme di apprendimento digitale esistenti."

Con oltre l'80% degli studenti che hanno completato il programma da novembre 2023 e un tasso di soddisfazione del 94%, l'impatto di OIAI sull'istruzione digitale è davvero promettente.

Fino ad ora, Otermans Institute ha supportato oltre 35.000 studenti provenienti da diverse aree svantaggiate, lavorando con enti governativi e organismi delle Nazioni Unite in ben 13 paesi, contribuendo al loro accrescimento professionale.

 

Uno dei recenti progetti non-profit e' quello attuato in collaborazione con l'associazione Women in STEAM Initiative, operante in Kenya e Zambia. La fondatrice Caroline Nyaga afferma: "L'Africa ha bisogno di sperimentare le tecnologie emergenti e non c'è motivo per cui gli africani dovrebbero essere lasciati indietro. In quanto fondatrice di Women in STEAM Initiative, sono davvero orgogliosa della collaborazione con Otermans Institute: ci ha dato la possibilita' di  sperimentare l'IA nel rapporto tra studenti e insegnanti in maniera semplice e sicura. Attendiamo con ansia l'espansione del progetto".

Gli insegnanti digitali sviluppati da Otermans Institute possiedono un corpo e una voce simili a quelli umani e  interagiscono senza problemi con gli studenti, utilizzando input vocali e testuali.

Il co-fondatore Dev Aditya dichiara: "Attraverso le conversazioni con gli studenti, i nostri insegnanti digitali possono quindi personalizzare le loro lezioni in base alle esigenze individuali, fornendo risposte in tempo reale alle domande e un feedback personalizzato. La nostra missione e' quella di dare alle scuole di tutto il mondo un' assistente virtuale che possa aiutare in maniera veloce e sicura i loro studenti, in qualunque momento".

Per ulteriori informazioni, visita oiai.oiedu.co.uk.

Foto - https://mma.prnewswire.com/media/2305794/Otermans_Institute.jpgLogo - https://mma.prnewswire.com/media/2305795/OI_Logo.jpg

 

 

View original content:https://www.prnewswire.com/it/comunicati-stampa/la-start-up-londinese-otermans-institute-lancia-il-primo-corso-al-mondo-completamente-alimentato-dall-intelligenza-artificiale-con-avatar-al-posto-degli-insegnanti-302020438.html

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza