cerca CERCA
Lunedì 15 Aprile 2024
Aggiornato: 17:42
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Comunicato stampa

Scuola. Pro Vita Famiglia: deplorevole adozione Carriera Alias in Liceo Seneca a Roma

13 dicembre 2023 | 10.34
LETTURA: 2 minuti

Roma, 13 dicembre 2023. «La Carriera Alias, è una procedura illegale e soprattutto pericolosa per il benessere psico fisico dei ragazzi, che può rafforzare nell’adolescente l’idea di essere “nato nel corpo sbagliato” e spingerlo a cambiare nome o addirittura al “cambio di sesso”, anche con bombardamenti ormonali e interventi chirurgici. Chi si prenderà la responsabilità di rischiare di cagionare a minori danni psicofisici traumatici e in alcuni casi irreversibili? E’ solo di qualche mese fa il caso della mamma Jessica Konen, che ha ottenuto un risarcimento di 100.000 dollari dalla scuola Buena Vista Middle School in California per i danni causati alla figlia Alice. E, chi si prenderà la responsabilità sulla “scelta” dell’uso dei bagni e degli spogliatoi? Cosa accadrà quando un ragazzo pretenderà, in base alla sua identità di genere autopercepita, di invadere gli spazi femminili? O viceversa? Adottare la cosiddetta carriera Alias è quindi di una gravità assoluta, come è accaduto già dallo scorso settembre al Liceo Seneca di Roma, diretto dalla professoressa Loredana Carloni. L’Alias è un provvedimento in aperto contrasto con le normative vigenti in campo amministrativo, civile e potenzialmente anche penale e viziato da incompetenza in quanto l’amministrazione scolastica non ha alcun potere di modificare il nome e l’identità sessuale di un individuo e potrebbe quindi commettere il reato di Falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici” (art. 479 c.p.) o avallare quello di sostituzione di persona (art. 494 c.p.). La carriera alias è inoltre anacronistica se pensiamo che i paesi pionieri nella transizione di genere, come Gran Bretagna, Australia, Svizzera, Norvegia, Svezia, Finlandia, Danimarca, Olanda e buona parte degli stati degli Usa stanno facendo marcia indietro sulla transizione di genere, addirittura chiudendo le cliniche come il Tavistock Center di Londra al centro di un pesante scandalo. Inoltre, come rivelato da Noto Sondaggi per conto di Pro Vita & Famiglia, l’80% degli italiani è contro l’indottrinamento gender nelle scuole. Ma non solo in Italia, a causa dei danni causati agli adolescenti, le opinioni stanno cambiando anche in Canada ed in America. Nel nostro Paese sono purtroppo oltre 300 le scuole che hanno adottato la Carriera Alias e, come Pro Vita & Famiglia, abbiamo diffidato quasi tutti questi Istituti, ricevendo in alcuni casi come risposta l’annullamento del Regolamento, segno che in certe realtà era stato adottato solo perché vittime di disinformazione e in buona fede. Chiediamo che il Governo, nell’interesse dei nostri bambini e adolescenti, blocchi una volta per tutte la Carriera Alias e le derive gender nelle scuole». Così Jacopo Coghe, portavoce di Pro Vita & Famiglia onlus.

-Ufficio Stampa Pro Vita e Famiglia Onlus

t.: 0694325503

m.: 3929042395

stampa@provitaefamiglia.it

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza