cerca CERCA
Martedì 16 Aprile 2024
Aggiornato: 08:30
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Comunicato stampa

UE. Pro Vita Famiglia: Da Europa ingerenza per riconoscere genitori Lgbt e utero in affitto

14 dicembre 2023 | 14.06
LETTURA: 1 minuti

Jacopo Coghe
Jacopo Coghe

14 dicembre 2023. «Con il voto positivo della Plenaria del Parlamento Europeo si certifica la volontà ideologica dell’Unione Europea di voler calpestare la sovranità degli Stati Membri in tema di diritto familiare per imporre il riconoscimento dei genitori omosessuali e così anche legittimare pratiche barbare e aberranti come l’utero in affitto, la compravendita di gameti e la procreazione medicalmente assistita, anche quando queste sono già illegali e vietate negli Stati. Voler obbligare a riconoscere i certificati di genitorialità "indipendentemente da come il bambino è stato concepito o è nato" è una gravissima ingerenza, guidata dalle lobby Lgbt e noi di Pro Vita & Famiglia lo avevamo denunciato già lo scorso luglio a Bruxelles con il convegno “Fermiamo il mercato dei figli”, insieme a varie sigle del mondo femminista e pro family. Chiediamo al nostro Governo una rapida e puntuale risposta affinché tranquillizzi gli italiani che non cederà mai a queste ingerenze dell’Unione europea e continuerà sulla strada opposta, ovvero quella che vuole far diventare l’utero in affitto reato universale. Già approvato alla Camera ci aspettiamo che, dopo la legge di Bilancio, se ne parli e venga votato in Senato nel più breve tempo possibile. Ora non si può più aspettare e il grave voto dell’Europa ne è una conferma». Così Jacopo Coghe, portavoce di Pro Vita & Famiglia onlus.

-Ufficio Stampa Pro Vita e Famiglia Onlus

t.: 0694325503

m.: 3929042395

stampa@provitaefamiglia.it

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza