cerca CERCA
Mercoledì 24 Luglio 2024
Aggiornato: 02:00
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Università, Monaco (Iuav): "Spazio costiero e marittimo è nuova frontiera della pianificazione"

La docente di Diritto amministrativo alla presentazione della nuova offerta didattica: 'Il corso 'Science and design for maritime spatial planning' è innovativo, segue approccio sperimentale'

Università, Monaco (Iuav):
08 luglio 2024 | 18.53
LETTURA: 3 minuti

"Lo spazio costiero e marittimo è una nuova frontiera della pianificazione. Per tale ragione, l'Università Iuav di Venezia ha creato il corso 'Science and design for maritime spatial planning', ovvero 'Scienza e progettazione per la pianificazione dello spazio marittimo', il primo corso di laurea magistrale di pianificazione interamente dedicato a questo tema. Il corso è innovativo perché segue un approccio sperimentale che integra diversi saperi: la pianificazione territoriale, ambientale, costiera, l'ecologia, la geografia, l'architettura del paesaggio, l'economia, il diritto”. Lo ha detto ai microfoni dell’Adnkronos Micol Roversi Monaco, professoressa associata di Diritto amministrativo all'Università Iuav Venezia, a margine della presentazione della nuova offerta didattica dell’Università Iuav di Venezia, unico ateneo in Italia interamente dedicato all’insegnamento e alla ricerca nel campo delle discipline progettuali, che ha introdotto due nuovi corsi di laurea magistrale e un nuovo percorso, tutti della durata di 2 anni, per tre aree tematiche: energia, trasporti e pianificazione del mare.

“Venezia, la città sull'acqua, rappresenta il luogo ideale per studiare la pianificazione dello spazio marittimo, perché è un caso studio eccezionale. E qui, da più di dieci anni, l'Università Iuav è impegnata sul tema: coordina progetti di ricerca e di formazione supportati dalla Commissione europea e sta supportando il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti italiano nella redazione dei Piani spaziali marittimi per l'Italia - spiega la prof.ssa Roversi Monaco - A Venezia ci sono anche altri enti di ricerca che sono impegnati su questo tema, come l'Istituto di Scienze Marine del Centro nazionale delle ricerche, che è coinvolto nelle attività didattiche del corso”.

Con l’ampliamento dell’offerta didattica, l'ateneo punta a formare esperti ingegneri e pianificatori con lo sguardo rivolto al futuro, per la preservazione dell’ambiente e di un patrimonio universale: il mare. Nel suggestivo scenario di Venezia, per l’anno accademico 2024/2025, infatti, gli studenti potranno quindi iscriversi alle lauree in: “Ingegneria per le energie rinnovabili in ambienti costieri”, “Mobilità sostenibile e connessioni intelligenti in ambienti marini e costieri” e al nuovo curriculum della laurea magistrale in Urbanistica e pianificazione del territorio MS “Science and design for maritime spatial planning”. In particolare, il nuovo curriculum in “Science and design for maritime spatial planning” si configura come l’unico corso in Italia dedicato specificamente alla pianificazione del mare.

L’Università Iuav di Venezia da oltre 10 anni lavora su questo tema con tutti gli organi competenti, il Ministero dei trasporti, la Marina Militare, fino all’Unione Europea, solo per citarne alcuni: “Questo percorso vuole fare acquisire delle competenze nuove, importanti a livello internazionale ed europeo. Infatti, una direttiva dell'Unione Europea chiede a tutti gli Stati membri di redigere e attuare piani spaziali marittimi - specifica Roversi Monaco - Le competenze sono utili sia per lavorare con pubbliche amministrazioni, enti territoriali, nazionali, regionali, locali, agenzie, ma anche autorità portuali e sono competenze che possono essere utili anche per lavorare come consulenti di operatori economici privati attivi nello spazio marittimo e costiero”.

“Il corso dura due anni e si svolge a Venezia ed è interamente in inglese. Inoltre, l'ateneo ha molti partner di ricerca all'estero, pertanto, sono previsti all'interno del corso dei workshop internazionali degli stage e gli studenti avranno anche la possibilità di lavorare sulla tesi all'estero grazie al programma Erasmus Plus”, conclude.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza