cerca CERCA
Martedì 25 Giugno 2024
Aggiornato: 21:15
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Cibo, chef Circiello: "Non bisogna essere ricchi per mangiare bene, sano e gustoso"

"Non capisco la polemica nei confronti del ministro Lollobrigida. Nel Medioevo i ricchi soffrivano di malattie come la gotta per eccesso di carne e di cibo. Affidiamoci ai prodotti poveri, alle nostre ricette tradizionali contadine famose in tutto il mondo"

Lo chef Alessandro Circiello
Lo chef Alessandro Circiello
26 agosto 2023 | 19.59
LETTURA: 2 minuti

"La nostra alimentazione si basa su prodotti poveri e ricette tradizionali contadine, ma famose nel mondo. Cibi che hanno un basso impatto ambientale ed economico ma forniscono tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno. Non capisco la polemica nei confronti del ministro dell'Agricoltura e della Sovranità alimentare Francesco Lollobrigida quando al Meeting di Rimini ha detto semplicemente che 'spesso i poveri mangiano meglio dei ricchi'. Non bisogna essere necessariamente ricchi per mangiare bene, sano e gustoso ". E' quanto dichiara all'Adnkronos lo chef Alessandro Circiello, membro deTaSiN, Tavolo tecnico sulla Sicurezza Nutrizionale del Ministero della Salute.

E ricorda ancora: "I legumi, grazie alle loro proteine vegetali nobili, se associate ai cereali, hanno lo stesso impatto sul nostro corpo di una bistecca. Era quel che sostenevano già negli anni Sessanta i grandi scienziati americani Ancel Keys e Margaret Haney, scopritori e massimi teorici della dieta mediterranea. Proposero al mondo intero il modello alimentare italiano, come stile di vita in grado di distribuire piacere e salute in maniera democratica".

Basato sulla cucina tradizionale, sulle economie di piccola scala, sulla stagionalità, sulle produzioni locali, sul riciclo. Cibi sani, naturalmente, per lo chef Circiello a buon mercato e made in Italy. " Zuppe, minestre, lasagne, risotti, pizza - suggerisce ancora Circiello, volto televisivo di Rai1, impegnato in 'Buongiorno Benessere' e 'Azzurro storie di mare' - Ma anche un ottimo piatto di spaghetti al pomodoro con basilico e olio extravergine d'oliva Italiano da preferire ad hamburger e patate fritte".

Non nega lo chef Circiello che "l’alimentazione dei ricchi è sempre stata diversa da quella dei poveri, ma non per questo necessariamente migliore. Se pensiamo infatti al Medioevo - spiega- epoca in cui il dislivello tra ricchi e poveri era evidentissimo, a soffrire di malattie portate da un’alimentazione scorretta non erano i poveri, come si potrebbe facilmente pensare, bensì i ricchi che spesso soffrivano di gotta per il consumo eccessivo e smodato di carne. Problemi di cui i più poveri non sapevano nemmeno l’esistenza perché si alimentavano in modo semplice, con molti legumi, frutta e verdura. Erano spesso in movimento. Un lavoro molto fisico, duro, a volte faticosissimo", conclude il noto chef romano.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza