cerca CERCA
Martedì 25 Giugno 2024
Aggiornato: 11:56
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Covid, cresce variante EG.5: Eris è la seconda più diffusa al mondo dopo Arturo

L'ultima variante inserita dall'Oms nella lista dei mutanti sotto monitoraggio ha raggiunto anche Kraken. I dati sul virus nel mondo: +7% casi e -53% morti in un mese

Fotogramma /Ipa
Fotogramma /Ipa
04 agosto 2023 | 09.17
LETTURA: 4 minuti

La nuova variante Covid EG.5, l'ultima inserita dall'Organizzazione mondiale della sanità nella lista dei mutanti sotto monitoraggio (Vum), segnalata finora in 45 Paesi, cresce ancora e fa registrare una prevalenza dell'11,6% a livello globale nell'ultimo bollettino dell'Oms sull'andamento di Covid-19. Nella settimana epidemiologica numero 28 (10-16 luglio), EG.5 - 'figlia' di XBB.1.9.2, che rispetto alla 'madre' presenta una mutazione aggiuntiva (F456L) nella proteina Spike - raggiunge Kraken (XBB.1.5, in calo costante, dal 13% all'11,6% dalla settimana 27 alla 28) e diventa la seconda la seconda variante più diffusa dopo Arturo (XBB.1.16), che scende al 18,4% rispetto al 21,7% della settimana 27.

ERIS IL NOME DELLA NUOVA VARIANTE

La nuova variante Eg.5 dal pool di esperti internazionali che monitora le varianti di Sars-Cov-2 è stata ribattezzata Eris, come il pianeta nano scoperto nel 2003, uno dei più grandi conosciuti nel nostro sistema solare, chiamato così in onore dell'antica dea greca della discordia.

In particolare, a richiamare l'attenzione degli esperti è la sottovariante Eg.5.1, in aumento nel Regno Unito, dove - secondo il Daily Mail - rappresenta circa l'11,8% dei casi di Covid-19, ma anche negli Usa, dove ha preso il sopravvento sulle altre e la circolazione del virus è in crescita. I 'tracciatori' di varianti stanno monitorando attentamente Eg.5.1 visto che si è diffusa rapidamente in diversi Paesi, presenta un vantaggio di crescita rispetto ad altri lignaggi circolanti, è immuno-evasiva ed è ancora da valutare se provochi casi clinicamente più gravi.

VARIANTI SOTTO LA LENTE OMS

Sotto la lente dell'Oms ci sono oggi 2 varianti di interesse o Voi (Kraken e Arturo) e 7 varianti sotto monitoraggio o Vum: oltre a EG.5, BA.2.75 (Centaurus), CH.1.1 (Orthrus), XBB (Gryphon), XBB.1.9.1 (Hyperion), XBB.1.9.2 e XBB.2.3 (Acrux). Tra queste ultime, EG.5 è l'unica in crescita (dal 6,2% della settimana 24, quella compresa fra il 12 e il 18 giugno, all'11,2% della settimana 27 fino appunto all'11,6% della 28); calano Centaurus e Hyperion, mentre le altre mostrano un trend stabile. Quanto alle Voi, nonostante un trend discendente Arturo resta la più diffusa, riportata da 100 Paesi e particolarmente presente nel Pacifico Occidentale (prevalenza del 15%) e nel Sudest asiatico (36%). Kraken, notificata da 120 Paesi, benché in ritirata rimane invece la variante prevalente nelle Americhe (25%) e in Europa (20%).

"Le attuali tendenze delle varianti Sars-CoV-2 continuano a differire tra le regioni e i Paesi dell'Oms e al loro interno", commenta l'agenzia ginevrina. "Alcuni Paesi hanno registrato un recente aumento dei casi, guidato dalle Voi e da alcune Vum. In alcuni Paesi la crescita dei casi è stata accompagnata da un aumento dei ricoveri e dei decessi, anche se a livelli inferiori rispetto alle precedenti onde di risalita. Il livello di immunità della popolazione, conferito da vaccinazioni e precedenti infezioni, è tra i fattori che contribuiscono all'eterogeneità osservata nella dinamica della circolazione delle varianti e alla diminuzione generale dei ricoveri e dei decessi".

L'ANDAMENTO DEL VIRUS NEL MONDO: I DATI

Nel mondo i casi di Covid-19 registrano intanto una lieve risalita nell'ultimo mese, mentre prosegue il calo dei decessi. Nei 28 giorni dal 3 al 30 luglio, a livello globale sono stati segnalati oltre 1 milione di nuovi contagi (+7%) e oltre 3.100 morti (-53%) secondo l'ultimo bollettino settimanale dell'Organizzazione mondiale della sanità. Da inizio pandemia a fine luglio, il report segnala oltre 768 milioni di casi confermati e oltre 6,9 milioni di decessi.

I nuovi contagi scendono in 5 regioni dell'Oms (-66% Europa, -65% Mediterraneo orientale, -61% Sudest asiatico, -56% Africa, -31% Americhe), mentre aumentano nel Pacifico occidentale (+38%). I morti calano invece in tutte e 6 le regioni (-75% Europa, -73% Sudest asiatico, -59% Mediterraneo orientale, -50% Africa, -39% Pacifico occidentale e -29% Americhe). Zoomando sulla regione europea, nell'ultimo mese i nuovi casi sono oltre 60mila e i nuovi decessi poco più di 700. Il maggior numero di contagi è stato segnalato nella Federazione Russa (15.091, -50%), Italia (13.533, -48%) e Regno Unito (10.964, -19%), mentre il maggior numero di morti da Federazione Russa (251, -50%), Italia (125, -63%) e Portogallo (52, -61%).

L'agenzia ginevrina ribadisce che, "sebbene l'emergenza sanitaria pubblica di rilevanza internazionale sia stata dichiarata conclusa il 5 maggio 2023, Covid-19 rimane una minaccia". L'Oms sollecita quindi gli Stati "a mantenere, non a smantellare, la loro infrastruttura. E' fondamentale sostenere tempestivamente la sorveglianza e la segnalazione dei casi, il monitoraggio delle varianti, la fornitura di assistenza clinica, la somministrazione di richiami vaccinali a gruppi ad alto rischio, i miglioramenti nella ventilazione". Quanto ai numeri contenuti nei rapporto, avverte l'agenzia Onu per la salute, "non rappresentano accuratamente i tassi di infezione a causa della riduzione di test e segnalazioni".

Leggi anche
Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza