cerca CERCA
Mercoledì 29 Maggio 2024
Aggiornato: 19:45
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Da Renzi a Briatore spopola digiuno intermittente, l'immunologo: "Funziona ma no a sgarri"

"La diminuzione dell'assunzione di nutrienti può ridurre lo stato infiammatorio e ha effetti antiage"

Da Renzi a Briatore spopola digiuno intermittente, l'immunologo:
11 settembre 2023 | 17.31
LETTURA: 3 minuti

E' la dieta del momento che ha sedotto star di Hollywood e modelle, politici e imprenditori. Matteo Renzi l'ha lodata pubblicamente per avergli fatto diminuire il girovita e Flavio Briatore ha confessato che è riuscito a perdere 20 chili. E' il digiuno intermittente. "Eseguire una restrizione calorica per determinati periodi diventa anche salutare" con "effetti antinvecchiamento", afferma all'Adnkronos Salute Mauro Minelli, immunologo e docente di 'Fondamenti di dietetica e nutrizione' all'Università Lum, che fa il punto su questo regime alimentare. "La dieta intermittente richiede molto autocontrollo, che si traduce nel non concedersi sgarri, perché la ripetitività e soprattutto l'alternanza sono fondamentali per spingere l'organismo a innescare quei meccanismi che ci porteranno a perdere grasso e ottenere benefici a livello infiammatorio e metabolico ", avverte.

"Sono tantissimi i dati pubblicati su diverse riviste scientifiche che sostengono il modello della dieta mediterranea come il migliore trattamento nutrizionale delle malattie croniche non trasmissibili ossia il diabete, l'aterosclerosi, i tumori e le affezioni polmonari che l'Oms ha definito come 'i 4 big killer' - ricorda Minelli - In questo ambito, come strumento di prevenzione primaria e di cura di queste patologie, è aumentato l'interesse verso schemi alimentari volti a modulare l'assunzione di nutrienti in base ai ritmi circadiani o a periodi di astensione dal cibo più o meno lunghi alternati a periodi di alimentazione. Queste alternative alla dieta mediterranea hanno l'obiettivo di attivare le vie metaboliche collegate al catabolismo, all'autofagia e a quei meccanismi molecolari connessi allo sviluppo delle malattie croniche".

La scelta di tanti Vip di puntare su questa dieta è corretta? "Se lo scopo ultimo è di perdere anche massa grassa, eseguire una restrizione calorica per determinati periodi diventa anche salutare: la diminuzione dell''intake' di nutrienti può ridurre lo stato infiammatorio - rimarca lo specialista - può stimolare l'avvio di processi utili a eliminare gli scarti del metabolismo cellulare fino ad arrivare ad avere effetti anti-age".

"Il digiuno intermittente - prosegue Minelli - è un regime dietetico che prevede l'alternanza tra fasi di digiuno e fasi di non digiuno. Noto anche come schema '16/8' in cui è richiesta l'astensione dall'assumere cibo per un arco temporale di 16 ore, tempo considerato utile al nostro organismo per innescare il processo di rigenerazione cellulare e per la riduzione della produzione di radicali liberi che determinerà un rallentamento dell’invecchiamento cellulare. La perdita di peso sarà favorita dal fatto che nella fase di digiuno le cellule, private del loro nutrimento, useranno il grasso immagazzinato come fonte di energia".

"Alle 16 ore di digiuno, seguono 8 ore in cui è consentito assumere cibo. Per fare un esempio, un individuo in buono stato di salute inizierà a mangiare alle 8 di mattina e terminerà alle 16, per poi riprendere a cibarsi il giorno successivo alle 8", continua l'immunologo. "Ma per fare in modo che il digiuno intermittente produca effetti positivi, senza avere ripercussioni negative sul nostro stato di salute, bisogna seguire un'alimentazione sana ed equilibrata nelle ore di non digiuno - precisa Minelli - La selezione degli alimenti è molto importante e ovviamente non saranno consentiti cibi particolarmente ricchi di grassi o zuccheri. Nelle 16 ore di digiuno sarà comunque consentita l'assunzione di bevande non caloriche, come caffè o tè e ovviamente acqua".

Secondo l'esperto, "è comunque consigliato di non approcciarsi in maniera autonoma al digiuno intermittente, ma affidarsi sempre a figure professionali esperte in nutrizione, per evitare carenze di energia e nutrienti o semplicemente al fine di poter seguire al meglio tale regime dietetico e ottenere i risultati desiderati. Nei primi giorni - osserva - ci potrebbe essere un elevato senso di fame accompagnato da irritabilità, che sarà utile controllare con l’aiuto dello specialista".

"In ultimo, la dieta intermittente richiede molto autocontrollo, che si traduce nel non concedersi sgarri, perché la ripetitività e soprattutto l'alternanza sono fondamentali affinché l'organismo inneschi quei meccanismi che ci porteranno a perdere grasso e ad ottenere benefici a livello infiammatorio e metabolico", conclude Minelli.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza