cerca CERCA
Lunedì 27 Maggio 2024
Aggiornato: 07:54
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Giulia Cecchettin, Filippo Turetta oggi in Italia: cosa succederà

Il giovane, arrestato per l'omicidio dell'ex fidanzata, arriva dalla Germania: lo sbarco a Venezia, poi in carcere a Verona

Filippo Turetta
Filippo Turetta
25 novembre 2023 | 00.03
LETTURA: 2 minuti

Filippo Turetta, arrestato per l'omicidio dell'ex fidanzata Giulia Cecchettin, arriverà oggi a Venezia dalla Germania. Il 21enne, in questi giorni detenuto nel carcere di Halle, sarà in Italia in tarda mattinata. Turetta tornerà in patria a bordo di un Falcon 900 dellì'Aeronautica Militare, lo stesso che sette anni fa riportò in Italia il marò Salvatore Girone dall'India.

Turetta verrà condotto al carcere Montorio di Verona che è dotato del reparto 'protetti', cn celle isolate, in cui la persona ristretta dietro le sbarre non ha contatti con nessuno degli altri detenuti. La scelta viene adottata in caso di reati gravi oppure nel caso in cui l'arrestato è protagonista di un caso mediatico. Turetta sarà in isolamento e sorvegliato a vista, come da prassi, per vigilare su possibili rischi autolesivi. L'omicida, che sarà sorvegliato costantemente, vedrà un medico e con ogni probabilità uno psicologo.

Verrà decisa anche la data dell'interrogatorio di garanzia che dovrà essere fatto entro cinque giorni (a partire da oggi) dal gip di Venezia Benedetta Vitolo. In ogni caso, l'interrogatorio non dovrebbe avvenire prima di lunedì 27 novembre.

All'interrogatorio, da quanto si apprende, sarà presente il pm Andrea Petroni (non è necessaria la presenza della pubblicazione accusa, ndr) che potrebbe chiedere un aggravamento rispetto ai reati contestati, mentre i difensori potrebbero chiedere una misura alternativa al carcere o già in questa fase la perizia psichiatrica. Se i legali non avanzeranno istanze, il gip non deve scrivere nessun nuovo provvedimento. Al giudice il giovane potrebbe ripetere la confessione già resa alla polizia tedesca, dove è stato arrestato, oppure decidere, assistito dai legali Giovanni Caruso ed Emanuele Compagno, di avvalersi della facoltà di non rispondere.

Il quadro dell'inchiesta in queste ore potrebbe cambiare. Il pm Petroni potrebbe contestare a Turetta, oltre l'omicidio e il sequestro di persona, anche l'occultamento di cadavere: il giovane, secondo le ricostruzioni, ha caricato in auto il corpo di Giulia Cecchettin e ha percorso oltre 100 chilometri prima di gettare il cadavere in un dirupo vicino al lago di Barcis.

Altri elementi arriveranno dall'autopsia in programma il primo dicembre, con particolare attenzione alle coltellate inflitte alla ragazza per valutare l'eventuale aggravante dellacrudeltà (non è il numero a determinare l'aggravante, ndr). Lo sviluppo dell'indagine pobtrebbe portare anche alla contestazione della premeditazione. Bisognerà capire se Filippo Turetta si è portato da casa i due coltelli sequestrati, se l'acquisto online del nastro adesivo (fatto un paio di giorni prima dell’omicidio) avesse la finalità di coprire la bocca e impedire a Giulia di urlare, se abbia fatto ricerche internet per studiare il percorso di fuga (e consigli su come sopravvivere) di più di mille chilometri fino in Germania dove è stato arrestato.

Leggi anche
Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza