cerca CERCA
Giovedì 30 Maggio 2024
Aggiornato: 16:21
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Alluvione Emilia Romagna, Pichetto: "Opere con Pnrr? Ci vuole cautela"

Il ministro dell'Ambiente e della Sicurezza energetica, Gilberto Pichetto, ospite di Adnkronos Live, parla dell'emergenza maltempo in Emilia Romagna, del Piano di adattamento ai cambiamenti climatici, di energia e del Deposito dei rifiuti radioattivi

Gilberto Pichetto ospite di Adnkronos Live
Gilberto Pichetto ospite di Adnkronos Live
24 maggio 2023 | 14.06
LETTURA: 3 minuti

"Ci vuole cautela". Il ministro dell'Ambiente e della Sicurezza energetica (Mase), Gilberto Pichetto, intervenendo con Adnkronos Live risponde così alla domanda sulla possibilità di stanziamento dei fondi del Pnrr nel piano di ricostruzione per l'Emilia Romagna, devastata dall'alluvione di maggio 2023.

"Bisogna essere concreti e realistici. Attualmente ci sono 2 miliardi e mezzo complessivamente che sono opere in corso. Il Pnrr ha le caratteristiche di dover concludersi entro il giugno 2026. Quando parliamo di opere sull'assetto idrogeologico parliamo di opere che presuppongono tempi di progettazione, di valutazione da parte dei comuni, delle regioni, dello stato, di procedure di appalto anche un po' complesse. Senza contare la questione dell'opera che tante volte non si sa cosa si trova sotto", dice il ministro.

"Non possiamo correre il rischio di fermare quelle opere e perdere pure i soldi. Ecco perché ci vuole cautela. Poi se ci sono opere specifiche, pronte, immediate che si ha la certezza di concludere entro il 2025, se compatibili con quelli che sono gli obiettivi, possono essere inserite", aggiunge.

PIANO DI ADATTAMENTO AI CAMBIAMENTI CLIMATICI

"Il Piano Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici ha ultimato il confronto con tutti coloro che hanno partecipato al dibattito pubblico, il tutto viene licenziato in questi giorni dalla Commissione di Valutazione ambientale e di conseguenza nel giro di tempi stretti, sicuramente prima dell'estate, verrà approvato definitivamente e pubblicato", dice Pichetto.

"Da quello, discendono atti che vedono anche le opere concrete perché se piove di più e in modo più concentrato bisogna creare delle vasche di laminazione o comunque aree di esondazione per evitare che si distrugga quanto fatto in centinaia di anni", aggiunge.

STOCCAGGI GAS

"Posso con abbastanza tranquillità dire che per il prossimo inverno non ci sarà il problema degli stoccaggi - continua Pichetto - Perché ad oggi siamo oltre il 70%, di conseguenza, salvo questioni non prevedibili ad oggi, noi riusciremo ad avere i nostri 16-17 mld di metri cubi in stoccaggio per il mese di settembre. Per l'inverno non vedo rischi".

DEPOSITO RIFIUTI RADIOATTIVI

"Siamo in conclusione dell'approfondimento che era stato richiesto dagli organi competenti, quindi credo che in tempi abbastanza brevi riceverò da parte di Sogin la Carta delle aree che sono eleggibili per il deposito del nucleare. Su questo faremo una valutazione di ordine politico in accordo con quelle realtà, ma non escludo anche valutazioni che possono portare ad aprire ad autocandidature", spiega il ministro, parlando dello status dei lavori per l'approvazione e la pubblicazione della Carta nazionale delle aree idonee a ospitare il Deposito Nazionale dei rifiuti radioattivi. Sui Comuni autocandidati, il ministro ha aggiunto "al momento ce ne sono alcuni. Non voglio indicare quali sono, perché spetta a loro a farsi avanti ma almeno 3 o 4 opzioni possono esserci".

RIGASSIFICATORE PIOMBINO

"Stiamo facendo l'approfondimento, lo comunicheremo formalmente tra pochi giorni. Abbiamo messo nel decreto di ieri lo spazio affinché il ruolo di commissario possa passare ad un altro presidente di regione. Questo vuol dire che passa a una regione che non è la Toscana. Le opzioni sono ancora nell'ambito del Tirreno, nel nord oppure l'Adriaco ma tutte le opzioni verranno valutate puntualmente sia con le Regioni competenti sia con le realtà locali", dice Pichetto, parlando del futuro del rigassificatore di Piombino.

Leggi anche
Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza