cerca CERCA
Mercoledì 24 Luglio 2024
Aggiornato: 20:54
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Economia circolare, dalla coalizione europea 5+1 stanziati 8,9 miliardi

Finanziamenti a lungo termine per progetti che accelerano la transizione verde, nell'ambito dell'iniziativa JICE (Joint Initiative for Circular Economy)

Economia circolare, dalla coalizione europea 5+1 stanziati 8,9 miliardi
02 agosto 2023 | 13.05
LETTURA: 4 minuti

Finanziamenti complessivi per 8,9 miliardi a favore di progetti di economia circolare e l’impegno di continuare la collaborazione su questo tema: questi i principali risultati emersi dall’ultimo incontro del gruppo di lavoro 5+1, formato da alcuni tra i principali Istituti di Promozione Nazionale europei tra cui Cassa Depositi e Prestiti (CDP), Bank Gospodarstwa Krajowego (BGK - Polonia), Gruppo Caisse des Dépôts (CDC - Francia), Instituto de Crédito Oficial (ICO - Spagna), Kreditanstalt für Wiederaufbau (KfW - Germania), insieme alla Banca Europea per gli Investimenti (BEI).

Joint Initiative for Circular Economy

L’impegno sul tema rientra nell’ambito dell’iniziativa JICE (Joint Initiative for Circular Economy), lanciata dal 5+1 nel 2019 con l’obiettivo di fornire finanziamenti a lungo termine per progetti che accelerano la transizione verso un'economia circolare. I partner JICE partecipanti hanno fissato un obiettivo di finanziamento di almeno 10 miliardi di euro per progetti di economia circolare entro la fine del 2023, ovvero su un periodo di cinque anni. Alla fine del 2022, sono stati finanziati progetti per un valore di 8,9 miliardi di euro in un'ampia gamma di settori, tra cui agricoltura, industria e servizi, mobilità, sviluppo urbano, gestione dei rifiuti e dell'acqua. I progetti abbracciano tutte le fasi della catena del valore e il ciclo di vita di prodotti e servizi, dalla progettazione al recupero del valore.

In questo ambito, gli Istituti Nazionali di Promozione forniscono finanziamenti diretti, partecipazioni, garanzie e/o assistenza tecnica. Inoltre, sostengono iniziative innovative di finanziamento che favoriscano l’attrazione di risorse verso il settore privato, collaborando allo stesso tempo con la Commissione europea al fine di sviluppare modelli virtuosi e diffondere la cultura dell’economia circolare nel panorama imprenditoriale e finanziario europeo.

JICE e CDP

“L'accelerazione della transizione ecologica in Italia è tra le principali priorità di CDP. Quest'anno, il 70% delle nostre risorse totali è stato mobilitato per progetti allineati agli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDG) ed è stata attribuita un'importanza strategica all'economia circolare, attraverso la promozione e il supporto di iniziative che prevedono l'innovazione di processi e prodotti nei metodi di riciclo" ha dichiarato Dario Scannapieco, amministratore delegato di CDP. "Sono tutte attività -continua l'ad- svolte con l'obiettivo principale di migliorare la competitività delle nostre imprese. Siamo fermamente convinti che per ottenere risultati importanti si debba lavorare insieme, e siamo lieti di rinnovare la nostra piena collaborazione nel JICE”.

Progetti supportati

Alcune recenti aziende e progetti supportati includono:

  • Un gruppo per l'igiene e la salute che produce carta igienica dalla paglia: Essity , con sede a Mannheim, in Germania, mira a ridurre le proprie emissioni di CO2 di almeno il 35% entro il 2030. L'eliminazione del legno garantisce una migliore efficienza delle risorse e dell'energia, nonché distanze di trasporto più brevi. Il processo non solo conserva le risorse, ma è anche più efficiente dal punto di vista energetico, risparmiando circa 10.000 tonnellate di CO2 all'anno.
  • Carbios , un'azienda biotecnologica francese che sviluppa e industrializza soluzioni biologiche per reinventare il ciclo di vita della plastica e dei tessuti. Le sue due tecnologie dirompenti per il bioriciclaggio del PET ( polietilentereftalato) e la biodegradazione del PLA (acido polilattico) stanno raggiungendo scala industriale e commerciale. Carbios ha ricevuto finanziamenti per l'innovazione da Bpifrance.
  • Saviola Holding , un'azienda italiana che partecipa all'economia circolare realizzando pannelli truciolari e mobili in legno riciclato. Casse, bancali, mobili scartati e scarti di giardinaggio entrano nei locali di Saviola per essere puliti, triturati e pressati in nuovi pannelli di legno riciclato al 100%. Ogni anno, i suoi prodotti salvano quasi 3 milioni di alberi.
  • Humana Fundación Pueblo para Pueblo contribuisce alla conservazione dell'ambiente attraverso il riutilizzo dei tessuti. Supporta anche iniziative di cooperazione allo sviluppo internazionale in Africa, America Latina e Asia, nonché programmi di sostegno locale, istruzione e agricoltura urbana in Spagna.
  • Aquafil, un produttore globale con sede in Italia di fibre e polimeri di poliammide. I suoi processi produttivi sono guidati da innovazione e sostenibilità, anche grazie a procedure rigenerative di economia circolare. La ricerca dell'azienda è focalizzata sulla ricerca di nuovi materiali, tecnologie e iniziative di innovazione di prodotto per iniziare a produrre nylon con caprolattame rigenerato e iniziare a sviluppare nylon realizzato con materiali rinnovabili invece che da fonti fossili. È il caso di Econyl, un filo di nylon ricavato da reti da pesca riciclate, scarti di tessuti sintetici e scarti plastici industriali e utilizzato come materia prima nella produzione di abiti, anche di griffe. Econyl è un esempio di economia circolare. L'utilizzo di materiali riciclati riduce l'impatto ambientale, risparmia energia, pulisce i fondali marini e il consumatore riceve un prodotto di qualità.
  • Elemental – holding di riciclo: il Gruppo originario della Polonia recupera metalli rari e strategici per l'industria in modo sostenibile e rispettoso dell'ambiente. Sono leader nella lavorazione di rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, convertitori autocatalitici, circuiti stampati e metalli non ferrosi. Il Gruppo ha le sue società in 15 paesi, operando contemporaneamente su quasi 40 mercati. Elemental Holding appartiene a un gruppo elitario di entità europee notificate dalla Commissione europea nell'ambito della politica industriale europea per creare una catena del valore della mobilità sostenibile nell'UE.

Per tali progetti di economia circolare, le istituzioni partecipanti forniscono prestiti, partecipazioni, garanzie e assistenza tecnica. Sviluppano inoltre strutture di finanziamento innovative per infrastrutture pubbliche e private, comuni, aziende private di diverse dimensioni e progetti di ricerca e innovazione.

Le istituzioni hanno deciso di prolungare la loro iniziativa congiunta sull'economia circolare (JICE) oltre il periodo originario del 2023. Allo stesso tempo, i partner hanno deciso di aprire la loro iniziativa a ulteriori banche e istituzioni pubbliche di promozione europee interessate e impegnate.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza