cerca CERCA
Giovedì 20 Giugno 2024
Aggiornato: 00:14
10 ultim'ora BREAKING NEWS

L’inquinamento danneggia anche la fertilità

Dalla Società europea di riproduzione umana ed embriologia otto raccomandazioni ai decisori politici per tutelare la salute riproduttiva (e non solo) della popolazione

L’inquinamento danneggia anche la fertilità
19 maggio 2023 | 18.01
LETTURA: 3 minuti

L’inquinamento danneggia anche la fertilità, sia maschile che femminile. Sempre più studi confermano questa correlazione, indagando ad esempio gli effetti ambientali sull’attività ovarica e sull’ampiezza della finestra riproduttiva nelle donne (studio dell'Università di Modena presentato nel 2019 al meeting della European Society of Human Reproduction and Embryology) ma anche sulla qualità dello sperma maschile (ricerca FASt, del dicembre 2022). E più in generale i legami con l’infertilità, le malformazioni dei feti, e con patologie dell’apparato riproduttivo e tumori.

Le 8 raccomandazioni della Società europea di riproduzione umana ed embriologia

Anche la Società europea di riproduzione umana ed embriologia (Eshre) condivide le preoccupazioni sull’impatto dei fattori ambientali sulla salute riproduttiva e sul calo del tasso di fertilità degli ultimi anni. Per questo, in occasione di un incontro di due giorni a Bruxelles che ha visto riuniti esperti di vari settori, ha formulato otto raccomandazioni su inquinamento e fertilità.

L’Eshre chiede:

1) Un’urgente azione politica e legislativa in risposta al collegamento ormai assodato tra fattori ambientali e calo del tasso di fertilità.

2) Che l’Unione europea aggiorni rapidamente i pertinenti regolamenti Reach e Clp nella direzione di minimizzare l’esposizione al rischio chimico per lavoratori e consumatori, in favore anche dell’ambiente.

3) Strategie di prevenzione rivolte a donne e uomini ancora prima del concepimento.

4) Che la popolazione sia correttamente informata sui potenziali alti rischi di esposizione dovuta allo svolgimento di alcuni lavori.

5) Lo sviluppo di una piattaforma digitale per raccogliere dati in modo da monitorare l’esposizione ambientale e i suoi effetti sulla salute riproduttiva e generale.

6) Di procedere con sempre più forza verso la decarbonizzazione per prevenire i danni riproduttivi e creare un pianeta più sano per tutti.

7) Di aumentare la consapevolezza della popolazione sui rischi dell’esposizione ambientale per la salute riproduttiva attraverso campagne di salute pubblica ed educative.

8) Che i test delle aziende farmaceutiche e industriali, attualmente focalizzati sulla gravidanza, valutino gli effetti anche sulla fertilità e sui gameti, diventando lo standard nei test prima dell’immissione del prodotto nel mercato europeo.

I fattori ambientali in causa

Tra i fattori ambientali sul ‘banco degli imputati’, ci sono in prima linea gli interferenti endocrini: un gruppo di sostanze chimiche che può alterare il funzionamento degli ormoni con effetti negativi per la salute dell’adulto e del feto. Possono provocare infertilità nella vita adulta, ma anche essere la causa di alcune patologie andrologiche e ginecologiche e di alcuni tumori. Secondo alcune stime, potrebbero essere responsabili per almeno il 20% dell’incidenza di malattie come l’endometriosi, l’infertilità maschile e il criptorchidismo.

L’elenco comprende pesticidi, antiparassitari, diossine, additivi e preservanti di prodotti industriali e di consumo, alcuni metalli pesanti, polifenoli (alcuni noti come fitoestrogeni) nonché alcuni farmaci. Queste sostanze si diffondono nell’ambiente attraverso l’inquinamento atmosferico e quello delle acque e del suolo, ma si trovano anche nell’urina e negli alimenti: molte sono presenti in oggetti di plastica e metallo di uso quotidiano, oltre che nei cosmetici e nei prodotti per l’igiene personale.

Anche l’esposizione prolungata alle sostanze tossiche e alle radiazioni può influire negativamente sulla fertilità. Un rischio che riguarda alcune tipologie di lavoratori, dagli agricoltori ai lavoratori nel settore edile, dal personale militare a quello medico-infermieristico fino a chi lavora nell’ industria chimica, petrolchimica o mineraria.

Ci sono inoltre prove scientifiche sul fatto che le particelle inquinanti di fuliggine possono attraversare la placenta e arrivare al feto, che le donne che vivono vicino alle autostrade trafficate hanno una maggiore infertilità e che molti prodotti farmaceutici potenzialmente rischiosi per la fertilità non sono regolamentati da questo punto di vista.

Tutti gli approfondimenti su Popolazione, persone e natalità sul minisito Adnkronos 'Demografica'.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza