cerca CERCA
Martedì 23 Luglio 2024
Aggiornato: 14:07
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Come sta cambiando la demografia in Israele?

Il tasso di fertilità di Israele è il più alto dell'OCSE: con un valore di 2.9 figli, è quasi il doppio del tasso del Canada di 1.5 figli

 - (Fotogramma)
- (Fotogramma)
28 marzo 2023 | 12.01
LETTURA: 2 minuti

Nel 2023, Israele è l'unica democrazia occidentale con un tasso di fertilità relativamente alto. Il numero di nascite ebraiche-israeliane nel 2022 (137.566) è stato superiore del 71% rispetto al 1995 (80.400), mentre il numero di nascite arabe-israeliane nel 2022 (43.417) è stato superiore del 19% rispetto al 1995 (36.500), come riportato dal Bollettino mensile dell'Ufficio centrale di statistica israeliano (ICBS) del febbraio 2023.

Il tasso di fertilità (numero di nascite per donna) delle donne ebree laiche in Israele ha una tendenza al rialzo negli ultimi 25 anni. In generale, il tasso di fertilità di Israele è il più alto dell'OCSE : con un valore di 2.9 figli, è quasi il doppio del tasso del Canada di 1.5 figli. I tassi di fertilità di Israele sono più strettamente allineati con i suoi vicini mediorientali - Giordania, Siria ed Egitto - ma è un valore anomalo tra i paesi sviluppati con economie avanzate, popolazioni istruite e alta partecipazione femminile alla forza lavoro. Gli ultra-ortodossi in Israele hanno un tasso di fertilità estremamente alto, oltre 6.6 figli mentre il tasso di fertilità arabo è sceso a tre, da un valore di 9.3 figli, incredibilmente alto nel 1960.

In Israele, le donne ebraiche israeliane, che sono seconde solo all'Islanda nella partecipazione al lavoro, vedono una correlazione diretta positiva tra l'aumento del tasso di fertilità, da un lato, e un aumento dell'urbanizzazione, dell'istruzione, del reddito, dell'integrazione nel mercato del lavoro e dell'età del matrimonio, dall'altro.

La tendenza demografica ebraica positiva è ulteriormente rafforzata dall'immigrazione, che consiste nella aliyah (immigrazione ebraica dopo la diaspora) e dalla contrazione dell'emigrazione: da 14.200 emigrati nel 1990 a 10.800 nel 2020 (mentre la popolazione è raddoppiata), che è superiore alla media di 7.000 emigrazione netta annua negli ultimi anni.

Il premier Bennett nel 2021 aveva sviluppato un piano per riportare 500.000 ebrei dagli Stati Uniti, dal Sud America e dalla Francia nel prossimo decennio per stabilirsi nel paese e sostenere così lo sviluppo demografico ed economico di Israele.

Tutto ciò si riflette sul numero degli abitanti che nel 2022 ha raggiunto un nuovo record.

Sono 9.7 milioni i residenti di Israele nel 2022, con una popolazione in crescita del 2.2% su base annua. La crescita è in parte dovuta all’invasione russa in Ucraina: sono arrivati circa 73.000 nuovi immigrati, il 58.1% dei quali dalla Russia e il 21.3% dall'Ucraina. Nel 2021, il numero di immigrati era di circa un terzo: 25.000.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza