cerca CERCA
Mercoledì 19 Giugno 2024
Aggiornato: 00:18
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Conciliare lavoro e maternità? Per 84% manager è problema organizzativo

Conciliare lavoro e maternità? Per 84% manager è problema organizzativo
03 giugno 2014 | 15.00
LETTURA: 4 minuti

La maternità di una lavoratrice è in azienda un problema per tutti, per i diretti superiori (82,7%), per la direzione del personale e dell'impresa (76,3%), per i colleghi e il suo gruppo di lavoro (50,4%) e per la donna stessa (43,6%). Questo secondo l'indagine fatta ad aprile 2014 da Manageritalia, in collaborazione con AstraRicerche e Edwi Hr, su 636 dirigenti.

Le cause? I costi, il fatto che la mamma lavoratrice lavori meno o sia più distratta ecc.? No, i manager lo dicono in modo esplicito: l'unico e vero problema è l'organizzazione del lavoro per i disagi che conseguono dall'assenza della donna (84,1%).

E, ad avvalorarlo, dicono anche che i guai nascono per colpa delle aziende che non fanno nulla per organizzare il lavoro in vista dell'assenza della donna (62,5%). Tutti gli altri possibili motivi o stereotipi - le donne prima e dopo la maternità hanno la testa altrove (25%), la maternità crea problemi a chi resta (19%), la donna poi è meno partecipe (6,5%) e diventa inaffidabile (3,8%) - sono negati con percentuali bulgare (80-95%).

I rimedi i manager li hanno ben chiari: organizzare l'attività per gestire l'assenza in modo efficiente (94,3%), evitare che in azienda prevalga un clima di tensione e/o di panico (88,8%), adottare una linea aziendale chiara ed esplicita per gestire l'assenza (85,8%), effettuare un affiancamento prima per estendere le sue competenze ad altri (81,4%), organizzare il lavoro in sua assenza perché non gravi e comporti stress per i colleghi (80,7%). Allora, perché non lo fanno o lo fanno poco? Perché, si spiega, l'organizzazione del lavoro in Italia è ancora troppo ingessata e arcaica, per leggi, normative, prassi, cultura e stili di management.

A indicare la 'ricetta' è Marisa Montegiove, coordinatrice Gruppo Donne Manager di Manageritalia: "Pensare che la rottamazione dei vecchi modelli organizzativi e la diffusione di quelli nuovi è il solo modo per competere, per raggiugere produttività e benessere di persone e aziende: si tratta di lavorare per obiettivi e premiare risultati e merito, di puntare su una flessibilità biunivoca (in termini di i tempi, spazi e modi di lavorare insieme, collaborare, che oggi serve sempre più alle aziende e a tutti i lavoratori), di motivare, coinvolgere e ingaggiare veramente i collaboratori".

Insomma, dall'indagine emerge che non ci sono stereotipi negativi su donna e lavoro (89,1%), c'è poca informazione su alcuni aspetti delle leggi e norme che regolano lavoro e maternità (40%), si chiedono allo Stato non più soldi, ma più servizi per la conciliazione (84,3%). Ma soprattutto i manager dicono a gran voce (84,1%) che il problema è tutto organizzativo, per l'incapacità delle aziende di far fronte in modo efficace ed efficiente al periodo di assenza della donna e, dopo il rientro, alla maggiore flessibilità che gestire una famiglia richiede. "Allora - sottolinea lo studio - se miglioriamo l'organizzazione del lavoro, per competere e vivere meglio tutti, risolviamo prima il problema del Paese e di conseguenza anche quello delle donne che vogliono e devono lavorare. Perché le donne che lavorano sono troppo poche (46,5% nel 2013), le nascite sono in forte calo, come ha certificato pochi giorni fa l'Istat (nel 2013 sono nati 515mila bambini, mai così pochi negli ultimi 20 anni), e dalle elaborazioni di Manageritalia sui dati Inps emerge anche un calo nelle maternità obbligatorie delle lavoratrici (-5,8% dal 2010 al 2012). Ma soprattutto la nostra produttività è ferma da vent'anni (1992-2011 solo +0,5% Istat)".

"Insomma, il calo di maternità e competitività - chiude Montegiove - si risolve esclusivamente con un'organizzazione del lavoro più efficiente ed efficace, più produttiva di valore aggiunto e benessere per tutti. In poche parole, un'organizzazione del lavoro più moderna, che rottami l'inconciliabilità tra lavoro e persona coniugando le esigenze sempre più eterogenee e mutevoli delle aziende e delle persone. Solo da qui il Paese può ripartire in tutti i sensi e su tutti i fronti".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza