cerca CERCA
Giovedì 22 Febbraio 2024
Aggiornato: 11:50
10 ultim'ora BREAKING NEWS

L'eleganza rigorosa di Ferragamo

23 settembre 2023 | 19.40
LETTURA: 2 minuti

Per la primavera/estate 2024 il direttore creativo Maximilian Davis crea un gioco di contrasti tra forme e tessuti

Tre look della collezione Ferragamo spring-summer 2024
Tre look della collezione Ferragamo spring-summer 2024

Rigore ed eleganza. Un gioco di contrasti tra forme e tessuti, leggerezza e ruvidezza. Silhouette minimali e accessori oversize. Per la prossima primavera-estate, Maximilian Davis rilegge i codici di Ferragamo in un racconto deciso dove i codici dell’eleganza italiana e quelli caraibici si fondono e si confondono. "Ho voluto che ogni elemento sembrasse molto più leggero - racconta Davis - non solo per i tessuti e le costruzioni ma anche per la corrispondenza con il modo 
in cui le persone vogliono realmente vestirsi. C’è un sentimento di familiarità che riconosco nel modo di vestire e di vivere italiano: una naturalezza molto vicina allo spirito caraibico. È l’idea di poter seguire sempre il proprio ritmo e il proprio tempo”.  

In passerella non ci sono mezze misure: le silhouette anni ‘50 sono affilate e severe, come i tailleur con le maniche tagliate, così come i tessuti: lini e cotoni o i rasi delle cappe, trattati per assumere l’aspetto della pelle. Non mancano elementi workwear, come le coverall e gli shorts da uomo. La sartorialità è il minimo comun denominatore della collezione, e si traduce in drappeggiature morbide in jersey di viscosa, retaggio dall’heritage fiorentino, evocate dagli abiti caraibici del 18esimo secolo, e che incontrano l’immagine delle armature rinascimentali, come nell’abito nero indossato dalla supertop Vittoria Ceretti che chiude lo show in un bustier sagomato in pelle e inserti rigidi e lucenti. A puntellare la collezione un tocco fetish, come le cuissardes di vernice che fanno capolino sotto gli abiti, i chocker di pelle che diventano un elemento dell’abito e sandali con cinturino XL allacciati alla caviglia.

“Il feticismo è insito nel Dna del mio lavoro - spiega ancora Davis -. C'è qualcosa di molto moderno nel volerlo incorporare nella vita e nel guardaroba di tutti i giorni”. Un guardaroba pulito e minimale, completato da calzature dalle forme in nappa latex e gaucho Iak, e un modello d'archivio del 1955, Calipso, che ispira il tacco-gabbia a banana stampato in 3D.

Per l’uomo, il vocabolario di David si declina in oxford, mocassini e modelli driver decostruiti o rifiniti con inserti a contrasto in latex. Protagoniste assolute le borse, segno distintivo della maison fiorentina, che riprendono le linee grafiche e i profili geometrici delle scorse stagioni: la ‘Hug’ diventa una pouch mentre la ‘Fiamma’, caratterizzata da una patta che distorce le simmetrie e da una chiusura ispirata a un accendino dell’archivio Ferragamo, appare ovunque. Per l’uomo la borsa diventa l’accessorio fondamentale: extralarge e declinata in vari colori, si porta sottobraccio o a mano. (di Federica Mochi)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza