cerca CERCA
Domenica 14 Aprile 2024
Aggiornato: 15:24
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Pnrr, Fitto: "Serve una fotografia chiara dello stato di avanzamento dei lavori"

29 marzo 2023 | 08.25
LETTURA: 3 minuti

Nel corso della Cabina di Regia per il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, il Ministro Fitto ha invitato tutti i partecipanti a effettuare "in tempi rapidi un'analisi netta e chiara di tutte le criticità relative ai progetti di competenza di ciascun ministero elaborando delle proposte d'azione concrete".

Palazzo Chigi, sede del Governo  - FOTOGRAMMA
Palazzo Chigi, sede del Governo - FOTOGRAMMA

Verifica sull'effettivo raggiungimento degli obiettivi rendicontati ai fini della terza rata; stato dell'arte e attuazione di milestone e target in scadenza nel primo semestre 2023, anche con riferimento agli adempimenti in capo ai soggetti attuatori; avanzamenti sul capitolo RepowerEu. Sono questi i punti affrontati nel corso della Cabina di Regia per il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr) che si è svolta a Palazzo Chigi, presieduta dal Ministro per gli Affari europei, il sud, le politiche di coesione e il Pnrr, Raffaele Fitto e che ha visto coinvolti tutti i ministri competenti.

Nel corso della riunione, il Ministro Fitto ha invitato tutti i partecipanti a effettuare "in tempi rapidi un'analisi netta e chiara di tutte le criticità relative ai progetti di competenza di ciascun ministero elaborando delle proposte d'azione concrete". L'obiettivo è arrivare ad avere una fotografia chiara e definitiva dello stato di avanzamento dei lavori avendo come obiettivo tutto l'arco del Piano fino al 2026.

"Quello che serve non è una radiografia, ma una vera e propria risonanza magnetica di tutti i progetti Pnrr da qui fino alla scadenza del Piano nel 2026. È necessario che ogni Ministero evidenzi chiaramente le criticità, ne spieghi le ragioni e individui delle soluzioni percorribili". Lo ha detto, a quanto si apprende, il Ministro per gli Affari europei, il sud, per le politiche di coesione e per il Pnrr, Raffaele Fitto, chiudendo i lavori della Cabina di Regia sul Pnrr a Palazzo Chigi, nel corso della quale il Ministro ha spiegato che grazie a questo metodo di lavoro l'Italia potrà avere delle "ragioni forti" per rinegoziare gli obiettivi con la Commissione Europea.

Il Ministro ha ricordato, inoltre, che ad oggi la scadenza del 2026 non è modificabile e ha invitato tutti ad avere come obiettivo quello di tutto l'arco del Piano e non inseguire soltanto le scadenze intermedie. Infine, in merito alla prossima scadenza, quella del 30 giugno, Fitto ha chiarito che la data di fine marzo è soltanto un termine intermedio non vincolante e che i progetti vanno conseguiti entro la consueta scadenza semestrale di giugno.

"Se noi oggi capiamo, e lo possiamo capire anche da questa Relazione, che alcuni interventi da qui al 30 giugno 2026 non possono essere realizzati, ed è matematico, è scientifico che sia così, dobbiamo dirlo con chiarezza e non aspettare il 2025 per aprire il dibattito su di chi sia la colpa". A sottolinearlo è il ministro degli Affari europei Raffaele Fitto intervenendo durante la presentazione della Relazione della Corte dei Conti sul Pnrr.

"L'orizzonte temporale di questo governo porta a fare una valutazione su come recuperare le risorse di quei progetti che non hanno una capacità realizzativa entro il 2026", aggiunge il ministro, sottolineando che l'opportunità del Pnrr "non è per sempre", quindi bisogna "valutare in modo oggettivo la necessità di modificare alcuni obiettivi". Inoltre, osserva, "bisogna aprire una valutazione attenta per capire come recuperare le risorse di quei progetti che sono all'interno del Pnrr, ma che hanno una capacità di spesa che consentono un riallineamento con la Coesione".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza