cerca CERCA
Mercoledì 29 Maggio 2024
Aggiornato: 17:12
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Pnrr, Gorno Tempini: "Cdp ha più ruoli, nel 2023 ogni attenzione verso realizzazione programmi"

Il presidente di Cassa Depositi e Prestiti: "Milestone rispettate ma è cambiato lo scenario, tenerne conto e parlare con l'Ue"

Giovanni Gorno Tempini (Fotogramma)
Giovanni Gorno Tempini (Fotogramma)
02 gennaio 2023 | 15.09
LETTURA: 1 minuti

Cdp ha "almeno tre ruoli" nella 'partita' messa in campo dal Piano nazionale di ripresa e resilienza, intanto perché "in certi casi siamo destinatari diretti delle risorse", poi "in altri siamo gestori di fondi del Pnrr. Infine, siamo consulenti, in particolare degli enti locali e delle amministrazioni nella realizzazione del Piano. Nel 2023 ogni attenzione deve andare alla realizzazione dei programmi". Lo dice, intervistato da 'La Stampa', il presidente di Cassa Depositi e Prestiti, Giovanni Gorno Tempini.

"Perché - continua - un conto è presentare un progetto, un altro è realizzarlo e ottenere le rate di finanziamento dall'Europa. La questione fondamentale è che comincino ad aprirsi i cantieri. La novità del Pnrr è che ci sono delle rendicontazioni da fare sui progetti e sulle modalità di spesa. Importante quindi è avviare i lavori".

"Per quello che vediamo dal nostro osservatorio, le milestone sono state rispettate, ma non significa che non ci siano incognite. Il problema è che, rispetto al momento in cui si è cominciato a parlare di Pnrr, le materie prime e i costi in generale si sono modificati in modo rilevante". Quindi, conclude, "bisogna tenerne conto nel controllare l'attuazione del Pnrr. E parlarne con l'Europa. Il Piano va di qui al 2026. La sua attuazione impone di ragionare in una logica pluriennale, occorre essere realistici e pragmatici".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza