cerca CERCA
Lunedì 15 Luglio 2024
Aggiornato: 05:27
10 ultim'ora BREAKING NEWS

La spesa degli italiani, "meno junk food e più cibo sostenibile e bio"

I risultati del rapporto 'La (R)evoluzione sostenibile della filiera agroalimentare'

(Fotolia)
(Fotolia)
12 giugno 2023 | 13.34
LETTURA: 2 minuti

Nel post-pandemia gli italiani puntano sulla 'qualità' della propria spesa alimentare e oggi comprano un 10,5% in più di alimenti sostenibili certificati, un +7,5% di alimenti biologici e a km zero mentre riducono cibi pronti e confezionati (-5,2%) e 'junk food' (-4,4%). Sono alcuni dei dati emersi durante i lavori del 7° forum 'La Roadmap del futuro per il Food&Beverage: quali evoluzioni e quali sfide per i prossimi anni' organizzato a Bormio da The European House-Ambrosetti.

"Le abitudini d’acquisto stanno cambiando con una graduale maggiore attenzione ai temi della salute - ha spiegato Benedetta Brioschi, Associate Partner e Responsabile Food&Retail, The European House - Ambrosetti, commentando i risultati del rapporto 'La (R)evoluzione sostenibile della filiera agroalimentare' - ma nel Paese bisogna ancora lavorare sugli aspetti culturali: solo il 17,3% dei cittadini sa che la dieta mediterranea prescrive il consumo di almeno 5 porzioni giornaliere di frutta e verdura, e solo il 5% mette in pratica questi dettami anche se siamo i primi esportatori di alcuni prodotti che sono alla base di questo tipo di alimentazione”.

Per il 73% dei consumatori un prodotto è sostenibile quando il suo processo di produzione è sostenibile (subito dopo conta la sostenibilità del packaging, 40,3%) e l’80% è disposto a spendere di più per acquistarlo, anche se non tanto di più: oltre un terzo spenderebbe meno del 5% in più, mentre poco meno del 5% è disposto a spendere oltre il 30% in più. Secondo la ricerca condotta da The European House - Ambrosetti, anche per le imprese un prodotto diventa sostenibile soprattutto nella sua fase di produzione (risposta data dal 38,9% delle 500 aziende del settore Food&Beverage coinvolte), ma per molte (32,3%) è, invece, l’alta qualità delle materie prime il fattore principale di sostenibilità. Nei piani dei prossimi 3-5 anni le aziende dichiarano di voler dedicare maggiore attenzione soprattutto alla sostenibilità della produzione (12,7% del totale) e alla riduzione degli sprechi (13,7%).

“L’adozione di comportamenti più sostenibili nel carrello della spesa - ha aggiunto Benedetta Brioschi - può anche essere un efficace contrasto all’attuale rincaro dei prezzi agroalimentari. I consumatori italiani si comportano in base alle rispettive disponibilità economiche: le famiglie meno abbienti si sono orientate verso la riduzione degli sprechi alimentari nel 17,4% dei casi; le famiglie più abbienti, invece, acquistano maggiormente prodotti che possano salvaguardare il proprio benessere, per il 33,3% dei casi”.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza