cerca CERCA
Venerdì 21 Giugno 2024
Aggiornato: 15:38
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Salva casa, Mattarella emana il decreto: tutto quello che si potrà sanare

Autorizzata dal Quirinale la presentazione alle Camere del disegno di legge di conversione

Sergio Mattarella
Sergio Mattarella
29 maggio 2024 | 22.47
LETTURA: 2 minuti

Via libera del Quirinale al decreto salva casa. Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha emanato il dl contenente “misure urgenti in materia di semplificazione edilizia e urbanistica” e autorizzato la presentazione alle Camere del disegno di legge di conversione.

Ecco quello che si potrà sanare

Nel decreto legge voluto da Matteo Salvini "ci sono interventi su piccole irregolarità che riguardano la vita di tutti giorni: verande, tende, soppalchi, gradini, grondaie, finestre, pareti e porte interne. Tutto quello che c'è all'interno delle abitazioni", ha spiegato il ministro.

Il piano prevede "l’inserimento nel criterio di edilizia libera per vetrate panoramiche amovibili, tende e altre opere di protezione dal sole e dagli agenti atmosferici", spiega quindi il ministro. Il decreto prevede inoltre "l’ampliamento delle tolleranze costruttive ed esecutive, la semplificazione dell’accertamento di conformità eliminando la doppia conformità" (che d’ora in poi verrà richiesta solo nei casi più gravi), afferma il ministro. Con il decreto legge vengono quindi introdotte ''tolleranze costruttive tra il 2% e 5% in base alla superficie". La misura, dice, "è una grande opera di semplificazione, sburocratizzazione e liberazione di denari, immobili e energie. Conto che, con questa quantità di immobili regolarizzati che possono tornare sul mercato, possano anche avere un riscontro positivo in termini di diminuzione del costo del mattone".

E ancora: semplificazione del cambio di destinazione d'uso di singole unità immobiliari, "nel rispetto delle normative di settore e di eventuali specifiche condizioni comunali", continua il ministro. Il provvedimento prevede, inoltre, "la fine del paradosso del silenzio rigetto, con l’introduzione del silenzio assenso: vale a dire che se l’amministrazione non risponde, entro i termini prestabiliti, l'istanza si considera accettata".

Leggi anche
Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza