cerca CERCA
Domenica 14 Luglio 2024
Aggiornato: 22:01
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Gruppo fortunato di Instagram, la nuova truffa su WhatsApp: come difendersi

Il raggiro inizia con un semplice messaggio su WhatsApp, in cui la vittima viene attirata con la prospettiva di guadagnare pochi euro per compiti banali come guardare video, seguire account su Instagram e inviare screenshot

Gruppo fortunato di Instagram, la nuova truffa su WhatsApp: come difendersi
24 giugno 2024 | 14.03
LETTURA: 2 minuti

Una nuova truffa sta preoccupando gli utenti WhatsApp: il messaggio sul “Gruppo fortunato di Instagram”, ha recentemente mietuto numerose vittime tra chi utilizza la popolare app di messaggistica di Meta. La truffa, camuffata da opportunità di guadagno facile, trasforma come spesso accade in questi casi un messaggio ricevuto in un incubo finanziario. Il raggiro inizia con un semplice messaggio su WhatsApp, in cui la vittima viene attirata con la prospettiva di guadagnare pochi euro per compiti banali come guardare video, seguire account su Instagram e inviare screenshot.

Una volta ottenuta la fiducia delle vittime, i truffatori trasferiscono il tutto su Telegram, in gruppi specifici accessibili tramite un invito che viene mandato all'utente. All’interno del gruppo, bot automatizzati orchestrano dialoghi falsi e manipolano i dati per dare l’impressione che si stia effettivamente guadagnando qualcosa eseguendo i compiti social che vengono proposti. Piccoli pagamenti, come 5 euro, mascherano il furto di denaro alle vittime, che nel frattempo hanno fornito i dati necessari per essere derubati.

In un contesto dove le promesse di guadagni facili possono rapidamente trasformarsi in truffe, la prudenza è essenziale. Gli utenti di WhatsApp devono innanzi tutto diffidare delle offerte troppo allettanti, verificare sempre l’autenticità delle proposte e segnalare tempestivamente qualsiasi attività sospetta alle autorità competenti. Affrontare tali minacce con prontezza è fondamentale: è consigliabile informare immediatamente le banche, i provider di pagamento e denunciare alle forze dell'ordine, inclusa la Polizia Postale. Queste azioni possono prevenire ulteriori truffe e proteggere altri utenti.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza