cerca CERCA
Domenica 21 Aprile 2024
Aggiornato: 19:54
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Pnrr, Gimbe: "Rispettate scadenze europee Salute, criticità su assistenza domiciliare"

31 ottobre 2023 | 11.18
LETTURA: 2 minuti

"Per questo target nazionale ritardi soprattutto al Sud"

(Fotogramma)
(Fotogramma)

Al terzo trimestre del 2023 risultano rispettate tutte le scadenze europee della missione Salute del Pnrr. Mentre, per quanto riguarda le scadenze italiane, risultano criticità sull'assistenza domiciliare, soprattutto al Sud. A fare il punto è la Fondazione Gimbe che con il suo Osservatorio sul Servizio sanitario nazionale ha avviato un "monitoraggio indipendente dello status di avanzamento della missione Salute del Pnrr, al fine di fornire un quadro oggettivo, di informare i cittadini ed evitare strumentalizzazioni politiche", spiega il presidente Nino Cartabellotta.

Secondo il monitoraggio del ministero della Salute e i dati resi pubblici il 20 ottobre scorso sul portale, lo stato di avanzamento al 30 settembre 2023 mostra che milestone e target europei sono stati tutti raggiunti entro le scadenze fissate per gli anni 2021-2023. Rimane da raggiungere a dicembre 2023 il target 'Almeno un progetto di telemedicina per Regione'. Anche i milestone e i target nazionali previsti nel 2021 e 2022 sono stati raggiunti entro le scadenze fissate. Relativamente al 2023, oltre ai 3 target la cui scadenza è prevista a dicembre, sono stati differiti da giugno a dicembre 2023 una milestone ('Completamento della procedura di iscrizione ai corsi di formazione manageriale') e 3 target ('Stipula di un contratto per gli strumenti di intelligenza artificiale a supporto dell'assistenza primaria', 'Stipula dei contratti per l'interconnessione aziendale' e 'Stipula dei contratti per la realizzazione delle Centrali operative territoriali').

E poi c'è il nodo dell'assistenza domiciliare. Un ulteriore target ('Nuovi pazienti che ricevono assistenza domiciliare, prima parte') è stato differito di 12 mesi, da marzo 2023 a marzo 2024. "E' bene precisare - sottolinea Cartabellotta - che i traguardi e gli obiettivi nazionali costituiscono step intermedi che non condizionano l'erogazione dei fondi da parte dell'Europa, ma devono comunque essere attentamente monitorati perché potrebbero compromettere le correlate scadenze europee". Al momento, prosegue il presidente di Fondazione Gimbe, "i ritardi sulle scadenze italiane non sono particolarmente critici, fatta eccezione per il mancato raggiungimento del target" sull'assistenza domiciliare. "In dettaglio, entro marzo 2023 avrebbero dovuto essere assistiti in Adi 296mila pazienti over 65: lo slittamento di 12 mesi della scadenza lascia intendere che i tempi per colmare il ritardo non sono immediati. Questo consegue alle enormi differenze sulla capacità delle Regioni nell'erogare l'assistenza domiciliare, ambito in cui la maggior parte di quelle del Centro-Sud era già molto indietro".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza