cerca CERCA
Martedì 23 Luglio 2024
Aggiornato: 21:46
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Hiv, Gori (UniMi): "Empatia tra medico e paziente aiuta successo terapie"

Il presidente di Anlaids Lombardia: "Importante aderenza alla cura grazie anche a formulazioni long acting"

(Fotogramma)
(Fotogramma)
27 novembre 2023 | 09.15
LETTURA: 2 minuti

"Il rapporto tra medico e paziente è qualcosa che ha a che fare con l’empatia del clinico e quindi con la formazione che è stata data ai medici. Dobbiamo fare in modo che i nostri medici siano molto più epatici di quanto non lo siano ora. Un rapporto empatico tra medico e paziente, in un contesto di terapia cronica come nel caso dell’Hiv, rappresenta una delle chiavi del successo”. Lo afferma Andrea Gori, membro del dipartimento di Malattie infettive dell’ospedale Luigi Sacco di Milano, professore ordinario di Malattie infettive all’università degli Studi di Milano e presidente della sezione lombarda dell’Associazione nazionale per la lotta contro l’Aids (Anlaids Onlus), a margine della conferenza stampa di lancio della campagna ‘Hiv. Ne parliamo?’, promossa da Gilead Sciences con il patrocinio di 16 associazioni di pazienti e dell’Italian conference on Aids and antiviral research (Icar).

“Se si chiede ad una persona con una patologia cronica, sia essa il cancro o l’Hiv - osserva Gori - qual è il problema principale nella gestione della malattia e nel rapporto con essa, questa vi risponderà che molto dipende dalla possibilità di avere un medico di riferimento sempre presente, di cui si ha fiducia e da poter chiamare quando si ha bisogno. Quello tra medico e paziente è infatti un rapporto di estrema fiducia. I medici devono rendersi conto che questo rapporto è la chiave del successo ed è determinante anche per quel che riguarda l’aderenza terapeutica. Dobbiamo convincere le persone che curiamo che devono essere assolutamente aderenti alla terapia". Sui trattamenti "stiamo passando da una terapia antiretrovirale da assumere quotidianamente per via orale - spiega il professore - alle nuove terapie iniettive long-acting, la cui somministrazione può essere fatta" ogni 2- 6 mesi. “Questo è un successo delle tecnologie e della ricerca, che cresce e deve continuare a crescere”.

Per troppi anni “le persone che vivono con Hiv hanno dovuto gestire un enorme problema di stigma - riflette Gori - Per combattere lo stigma è ancora una volta fondamentale il rapporto tra medico e paziente, soprattutto alla luce dei risultati che si ottengono con la terapia. Parlo di U=U (Undetectable = Untransmittable) ovvero del fatto che se la viremia non è rilevabile, il virus non è trasmissibile e la persona dunque non è contagiosa. Si tratta di un enorme successo e il medico deve sottolinearlo al paziente poiché per quest’ultimo significa avere rapporti senza paura di contagiare, avere una relazione di coppia senza pericolo di contagiare e anche esaudire un desiderio di genitorialità prima impensabile. Penso che il medico - conclude - da questo punto di vista, abbia un ruolo cruciale nell’abbattere lo stigma e far sì che le persone che vivono con Hiv abbiano una migliore qualità della vita”.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza