cerca CERCA
Domenica 17 Gennaio 2021
Aggiornato: 14:48

smart working

Lavoro: commissario Ue Schmit, 'smart working è destinato a restare'

Nelle modalità di lavoro, una volta superata la Covid-19, "non torneremo alla situazione che c’era prima della pandemia. Ci sarà, auspico, una sorta di bilanciamento tra la modalità a distanza e quella in presenza. Ma il lavoro in remoto sarà, per molte persone, parte integrante di come organizzeranno la loro vita lavorativa". Lo prevede il commissario europeo al Lavoro Nicolas Schmit, intervistato da News Mediaset.

alternate text

Italia Economia n.53 del 30 dicembre 2020

 Il Culatello regge alla crisi della pandemia. Contratto di sviluppo, l’esperienza di Mutti. Smart working e didattica a distanza, i consigli. 120 secondi di notizie. Finastra sui Mercati. Prometeo.

alternate text

Smart working a gennaio e febbraio per lavoratori fragili

I lavoratori 'fragili' potranno usufruire dello smart working anche nei mesi di gennaio e febbraio 2021. La misura è contenuta nel pacchetto di modifiche alla manovra, frutto delle riformulazioni degli emendamenti concordati tra governo e maggioranza. L'emendamento stabilisce la proroga della normativa vigente fino al 31 dicembre 2020, che prevede: ''i lavoratori fragili svolgono di norma la prestazione lavorativa in modalita' agile, anche attraverso l'adibizione a diversa mansione ricompresa nel...

alternate text

Salute: stress da covid, il ruolo degli adattogeni

La pandemia di Covid-19 ha provocato nelle persone uno stato di incertezza e precarietà. Tutto questo, insieme al bombardamento mediatico proveniente dai mezzi di comunicazione e dai social network, e alla difficile gestione del bilanciamento vita privata-lavoro dovuta allo smart working ‘always on’, ha portato molte persone a vivere forti stati di stress, con maggiore difficoltà nel relazionarsi con gli altri, aumento di stati d’animo come paura, disturbi di salute mentale o di equilibrio, probl...

alternate text

Guadagnare online con lo smart working in piena pandemia

Milano, 11/12/2020 - La pandemia da Coronavirus che, da un anno a questa parte, sta colpendo gravemente la sanità e l’economia del mondo intero, ha portato con sé anche un risvolto positivo, ovvero la possibilità di poter continuare (o di cominciare, perché no?) a lavorare anche da casa in tutta sicurezza attraverso lo smart working e senza perdere così un’entrata fissa mensile.

alternate text

Angeletti (Intesa Sanpaolo); "Su smart working servirà grande riflessione con sindacati"

"Per individuare nuove modalità di lavoro servirà una grande riflessione che porteremo avanti congiuntamente con le organizzazioni sindacali, perché lo smart working avrà un impatto sul contratto nazionale e sulla contrattazione di secondo livello e come nostra tradizione lo faremo con i sindacati. Tutto deve essere però guidato da una volontà di accompagnare le nuove modalità di lavoro. Non dovremo affrontarlo con uno sguardo all'indietro, perché altrimenti non arriveremo mai ad avere modalità e...

ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza