Home . AKI Italiano . Economia . Libia: ribelli, ad agosto riapriranno principali terminal petroliferi

Libia: ribelli, ad agosto riapriranno principali terminal petroliferi

ECONOMIA
Libia: ribelli, ad agosto riapriranno principali terminal petroliferi

(Aki/Washington Post) - E' attesa ad agosto, al termine del mese di Ramadan e dopo l'entrata in carica del nuovo Parlamento, la riapertura dei due principali terminal libici per l'esportazione di petrolio, quello di Es Sider e quello di Ras Lanuf. Lo ha annunciato il portavoce dei ribelli che circa un anno fa chiusero l'attivita' del terminal, Ali Al-Hassy, a nome dell'Ufficio esecutivo di Barqa. ''E' possibile risolvere tutte le questioni aperte e giungere a un accordo per la riapertura di Es Sider e Ras Lanuf quando il nuovo Parlamento iniziera' a lavorare, se Dio vuole dopo il Ramadan", ha detto Ali Al-Hassy al telefono dalla Libia orientale. Il Ramadan, iniziato ieri in Libia, terminera' con le festivita' di Eid El Fitr alla fine di luglio.

L'Ufficio esecutivo dei ribelli di Barqa ha occupato i terminal petroliferi nella Libia orientale dalla fine del luglio dello scorso anno per fare pressioni sul governo di Tripoli per una diversa gestione delle risorse petrolifere. Ora la Libia produce circa 300mila barili di petrolio al giorno, un quinto rispetto all'era di Muammar Gheddafi. In base all'accordo raggiunto il 6 aprile, i ribelli di Barqa si sono ritirati da Zueitina e Hariga, due dei due porti conquistati un anno fa. In cambio hanno ricevuto amnistia e il pagamento degli stipendi dei disertori delle Guardie dei terminali petroliferi che hanno aderito ai ribelli.

Il mese scorso i ribelli di Barqa hanno minacciato di cancellare l'accordo di aprile in protesta con la nomina del primo ministro Ahmed Maiteg, considerato vicino ai nazionalisti islamici. La sua nomina è stata successivamente ritirata e la scorsa settimana si sono tenute elezioni per un nuovo Parlamento.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI