Home . Fatti . Cronaca . Trema il Centro Italia, un morto e un disperso

Trema il Centro Italia, un morto e un disperso

CRONACA
Trema il Centro Italia, un morto e un disperso

(Foto Afp)

La terra continua a tremare nel Centro Italia dove oggi sono state registrate quattro forti scosse di terremoto di magnitudo superiore a 5 e un'altra scossa superiore a 4 (FOTO).

Una vittima è stata estratta dalle squadre dei vigili del fuoco intervenute nel comune di Castel Castagna, in provincia di Teramo. Mentre continuano incessantemente i tentativi per portare soccorso all'uomo ritenuto disperso nella zona di Ortolano, nel Comune di Campotosto. Attualmente, si legge in una nota della Prefettura, "sono impegnati uomini della Guardia di Finanza, dell'Esercito e dei Vigili del Fuoco, questi ultimi con l'ausilio di mezzi meccanici specializzati, in condizioni di estrema difficoltà a causa delle condizioni meteorologiche avverse".

LE SCOSSE - La prima scossa di terremoto, di magnitudo 5.3 è stata registrata nella zona dell'Aquila alle ore 10.25. L'epicentro del sisma è stato localizzato dalla sala sismica dell'Ingv a tre chilometri da Montereale, a una profondità di 9 km, a una distanza di 4 km da Capitignano (Aquila), e a 9 km da Campotosto e Amatrice, nel Reatino.

La seconda scossa, di magnitudo 5.4, è stata invece registrata nella stessa zona alle 11.14. La terza forte scossa, alle 11.25, "è stata di magnitudo 5.3 ed è avvenuta a 10 chilometri più a Sud rispetto alla prima di stamattina delle 10.25" ha riferito all'Adnkronos la sismologa dell'Ingv Paola Montone, raggiunta telefonicamente presso la Sala sismica dell'Istituto. "Il centro più vicino all'epicentro di questa terza scossa - ha detto ancora Montone - è Capitignano, sempre nell'area de L'Aquila".

Una quarta scossa, di magnitudo 5.1, è stata registrata alle 14.33. La quinta, di magnitudo 4.3, nella provincia dell'Aquila, alle 20.32.

Le scosse di terremoto sono state avvertite anche a Roma dove molte scuole sono state evacuate. E' stata chiusa temporaneamente anche la metropolitana.

Alcuni crolli hanno provocato feriti in Abruzzo. Lo riferisce il Soccorso alpino. A Penne ci sono stati alcuni crolli di tetti e strade e i soccorritori "hanno recuperato e trasportato in ospedale alcune persone con necessità di dialisi e alcune persone ferite da piccoli crolli".

Un bambino e sua mamma sono stati estratti vivi dalle macerie dai vigili del fuoco in seguito il crollo di un edificio a Castiglione Messer Raimondo, nel teramano. A quanto si apprende in un tweet dei vigili del fuoco, mamma e bambino erano in condizioni di ipotermia.

Nel recuperare otto persone che erano rimaste isolate a Nommisci, una frazione di Amatrice, i militari dell'Esercito hanno messo in salvo anche una donna incinta, che dovrebbe partorire nei prossimi giorni e che, dopo le scosse fortissime di stamattina, si era rifugiata in una stalla.

"Da stamattina sono state riazzerate le priorità operative, essendoci già in corso una programmazione dell'invio dei mezzi per il maltempo - ha detto il capo della Protezione civile, Fabrizio Curcio, dopo la riunione al Dicomac di Rieti per fare il punto della situazione sulla gestione dell'emergenza post terremoti e maltempo - La programmazione è stata rivisitata perché si è data più importanza alla salvaguardia della vita umana". Il capo della Protezione civile ha anche lanciato un appello a "spostarsi solo se c'è un'effettiva necessità".

"Ci sono stati dei crolli. Sono in corso le verifiche da parte delle forze dell'ordine", ha affermato all'Adnkronos il sindaco di Montereale (L'Aquila), Massimiliano Giorgi sottolineando che "la situazione è critica. C'è il terremoto, c'è la neve".

"La situazione è tragica, drammatica. Abbiamo tanta neve e ora il problema grande è il terremoto: ci sono scosse continue, pesanti, durature. Stiamo aspettando i soccorsi, devono liberare le strade dalla neve altrimenti non riusciamo ad uscire di casa" ha detto all'Adnkronos il vicesindaco di Campotosto (L'Aquila), Gaetana D'Alessio. "C'è paura", ha sottolineato, spiegando che le scosse continuano ma a causa dei metri di neve non è possibile uscire di casa.

Critica la situazione anche in alcune frazioni di Amatrice dove alcuni nuclei familiari sono bloccati a causa delle copiose nevicate e delle scosse. "Mi auguro che quanto ha promesso il ministro Pinotti trovi un reale riscontro, e le turbine arrivino quanto prima per permettere a quelle famiglie che si trovano ancora in isolamento di riuscire a uscire dalle case" ha affermato il sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi.

Da Castelluccio di Norcia non si va e non si viene. Neanche gli alpini, unici rimasti a presidiare il paese dei Sibillini, possono abbandonare il loro container e scendere a valle: la neve è diventata proibitiva anche per loro. "A Castelluccio i nostri alpini hanno scorte di viveri per una settimana - ha spiegato l'ufficiale del 5 Reggimento Alpini di Vipiteno, Francesco D'Aniello - ma neanche noi, con i nostri mezzi possiamo salire fin lassù. Sulla strada per arrivare a Castelluccio ci sono cumuli di neve alti anche tre-quattro metri, sarebbe troppo rischioso provare a superarli". E così, i quattro alpini che sono rimasti a controllare la zona, sono, di fatto, isolati.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI