Home . Fatti . Cronaca . Locri, in 25mila scendono in piazza contro le mafie

Locri, in 25mila scendono in piazza contro le mafie

CRONACA
Locri, in 25mila scendono in piazza contro le mafie

(fermo immagine dal video di Libera)

Sono 25mila i partecipanti alla manifestazione che si sta svolgendo a Locri per la XXII Giornata della Memoria e dell'Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, promossa da Libera e Avviso Pubblico, in collaborazione con la Rai Responsabilità Sociale, Conferenza Episcopale Calabra e con il patrocinio del Comune di Locri e sotto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica.

A quanto si apprende da Libera, oltre mezzo milione di persone hanno preso parte alle iniziative che si svolgono, in contemporanea, in 4000 luoghi in tutta Italia. Alla manifestazione di Locri, che si svolge all'indomani delle scritte comparse contro don Ciotti e le forze dell'ordine, partecipa anche il presidente del Senato Piero Grasso.

"Siamo qui perché amiamo la vita - ha detto don Ciotti - Abbiamo un debito con chi è stato assassinato, abbiamo un debito con loro famiglie ma non basta più ricordare, bisogna farli vivere nel nostro impegno". "Il lavoro, la scuola, i percorsi educativi, i servizi sociali restano il primo antidoto alla peste mafiosa", ha poi ribadito. Nel suo discorso, don Ciotti ha anche parlato della povertà: "il provvedimento per il contrasto alla povertà emanato dalla politica è del tutto insufficiente", è "un piccolo passo avanti che raggiunge una fetta troppo piccola di persone".

E poi l'educazione: "Non possiamo dimenticare che l'educazione è il primo e prezioso investimento di una comunità aperta al futuro". Don Ciotti ha anche ricordato: "E' urgente approvare la riforma, ferma da un anno e mezzo, sulla confisca dei beni e rafforzare l'agenzia per i beni confiscati". "Nessun impedimento all'uso delle intercettazioni - ha proseguito - completamento della normativa anticorruzione, sbloccare le proposte di legge in materia di gioco d'azzardo, eliminare il limite temporale per il riconoscimento di vittima di mafia". Don Ciotti ha anche ricordato di aver ricevuto ieri la telefonata del premier Paolo Gentiloni che gli ha comunicato il riconoscimento dei benefici della legge Bacchelli per il giornalista Riccardo Orioles.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI