Home . Fatti . Esteri . Brexit, ci siamo: prima giornata di negoziati

Brexit, ci siamo: prima giornata di negoziati

ESTERI
Brexit, ci siamo: prima giornata di negoziati

Il Big Ben di Londra (Foto Afp)

La Gran Bretagna si prepara a dire 'Goodbye, Europe': si aprono infatti oggi i negoziati per la Brexit.

Sul tavolo al quale siedono il francese Michel Barnier, negoziatore capo della Commissione europea, già ministro e presidente della Savoi, e il conservatore David Davis, segretario di Stato per l'uscita dall'Unione europea, ci sarà l'articolo 50 del Trattato di Lisbona che definisce la procedura e regola l'uscita volontaria di un Paese dall'Unione.

Si comincia quindi ad un anno di distanza dal referendum che, il 23 giugno 2016, ha sancito la scelta della maggioranza dei cittadini del Regno Unito per il 'Leave'.

"Sia per l'Ue che per il Regno Unito un accordo equo è possibile ed è di gran lunga meglio di non avere alcun accordo". Lo dice il responsabile dei negoziati dell'Ue, Barnier, in conferenza stampa a Bruxelles al termine della prima giornata di negoziati con la controparte britannica. E ancora: "Lavoreremo sempre con il Regno Unito e mai contro il Regno Unito, non ci sarà mai ostilità da parte mia".

La questione irlandese, con la necessità di evitare il risorgere di una frontiera fisica tra l'Eire e l'Irlanda del Nord ed evitare di danneggiare gli accordi del Venerdì Santo, "ha preso la maggior parte del tempo" durante l'incontro. "E' un problema tecnicamente difficile", ma "è senza dubbio in cima alle nostre priorità" ha aggiunto il responsabile britannico, Davis. 

La delegazione britannica è a Bruxelles anche se, dopo il risultato delle elezioni anticipate volute da Theresa May, che non hanno dato ai Tories la maggioranza che speravano di conquistare alla Camera dei Comuni, non è chiaro quale sia la linea che il Regno Unito seguirà, vista l'incertezza della situazione politica nell'isola, con le trattative con il Dup nordirlandese che ancora non si sono chiuse e l'indebolimento della premier, dopo le elezioni e l'incendio della Grenfell Tower a North Kensington, Londra, che ha provocato decine di morti.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI