Home . Fatti . Esteri . Bombardieri Usa su Corea, ira di Pyongyang: "Trump malvagio"

Bombardieri Usa su Corea, ira di Pyongyang: "Trump malvagio"

ESTERI
Bombardieri Usa su Corea, ira di Pyongyang: Trump malvagio

Immagine di repertorio (Xinhua)

Bombardieri Usa hanno volato vicino alla costa orientale nordcoreano in una dimostrazione di forza. Lo ha reso noto un comunicato del Pentagono, spiegando che la missione "è un chiaro messaggio che il presidente dispone di varie opzioni per sconfiggere ogni minaccia".

"Il programma bellico nordcoreano è una grave minaccia per la regione dell'Asia-Pacifico e l'intera comunità internazionale. Siamo pronti a far uso dell'intero gamma di capacità militari per difendere la patria americana e i nostri alleati", sottolinea il comunicato del ministero della Difesa americano.

Trump sbotta contro Kim: "Fermerò quel pazzo'"

Alla missione hanno partecipato bombardieri B-1B Lancer provenienti da Guam e caccia F-15C Eagle provenienti da Okinawa in Giappone, che hanno sorvolato lo spazio aereo internazionale sulle acque a est della Corea del Nord. "Si tratta- precisa il comunicato - del punto più a nord rispetto alla Zona Demilitarizzata (Dmz) in cui abbia mai volato nel 21esimo secolo un caccia o un bombardiere americano a largo della costa della Corea del Nord e ciò sottolinea la serietà con la quale trattiamo il comportamento sconsiderato della Corea del Nord". La Dmz è una zona demilitarizzata che funge da cuscinetto lungo tutto il confine terrestre fra le due Coree.

IRA DI PYONGYANG - Pyongyang minaccia nuovamente di colpire gli Stati Uniti. Le minacce del presidente americano Donald Trump di "distruggere totalmente" la Corea del Nord "rendono sempre più inevitabile una visita dei nostri missili sull'intera terraferma americana", ha detto il ministro degli Esteri nordcoreano Ri Yong Ho nel suo discorso all'assemblea Generale dell'Onu a new York.

La Corea del Nord, ha aggiunto, intraprenderà "un'azione preventiva senza pietà" se gli Stati Uniti dimostreranno il minimo segno di voler "decapitare" Pyongyang.

Il "Presidente Malvagio" con il suo bottone nucleare è "la maggior minaccia alla pace internazionale", ha poi continuato Ri Yong Ho. La Corea del Nord, ha detto, non ha bisogno che la comunità internazionale riconosca la sue capacità nucleari: fino a quando non vi sarà giustizia internazionale l'unica opzione è "il martello della giustizia nucleare". Non vi saranno minacce verso i paesi che non prenderanno parte alle azioni americane contro la Corea del Nord, ha affermato Ri, aggiungendo che non serve che gli Stati Uniti trascino con sé in questa situazione i suoi "scagnozzi" della Corea del Sud e il Giappone.

Per il ministro, Trump è "una persona mentalmente disturbata" e un "megalomane" impegnato in una "missione suicida". "Se vite innocenti americane andranno perdute sarà a causa del suo attacco suicida", ha minacciato.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI