cerca CERCA
Lunedì 15 Luglio 2024
Aggiornato: 23:01
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Sparò al ladro, Mattarella non concede grazia a macellaio condannato

Condannato a 4 anni di carcere. Dopo 19 mesi di reclusione, è stato affidato in prova ai servizi sociali

(Fotogramma)
(Fotogramma)
16 settembre 2023 | 18.18
LETTURA: 3 minuti

Nessuna grazia per Walter Onichini. Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha rigettato la domanda presentata dal macellaio padovano che il 22 luglio di dieci anni fa venne accusato di tentato omicidio e condannato in via definitiva a quattro anni di carcere per avere sparato a un ladro, entrato nella sua abitazione di Legnaro. E' quanto si legge nel Gazzettino. Lo scorso 23 gennaio, dopo 19 mesi di reclusione, è tornato dalla sua famiglia nell'abitazione di Camponogara in provincia di Venezia. Gli è stato concesso, dal Tribunale di sorveglianza, l'affidamento in prova ai servizi sociali. Oltre a impegnarsi nel volontariato, Onichini può lavorare nella macelleria della sorella Chiara sempre in provincia di Venezia. Ma dalle 22 alle 6 del mattino deve restare in casa e non gli è permesso uscire dai confini della regione Veneto.

La domanda per ricevere la grazia dal Presidente della Repubblica era stata presentata dall'allora moglie, attraverso il legale Ernesto De Toni, il 17 novembre del 2021 al magistrato di sorveglianza. La richiesta, un documento di dieci pagine, è stata poi inoltrata al Ministero di Giustizia il 24 agosto dell'anno scorso. E questa settimana, dopo ventidue mesi, è stata rigettata.

"La domanda di grazia è rimasta ferma a Padova per oltre 9 mesi poi finalmente trasmessa al Ministro della Giustizia a Roma e di essa nessuno aveva più saputo dirci nulla. Dal 23 gennaio di quest'anno Walter Onichini è stato ammesso all'affidamento in prova ai servizi sociali - ha dichiarato il legale De Toni - e ha potuto finalmente cercare di riprendere in mano la propria vita. Rimane l'amarezza per la palese diseguaglianza di trattamento per due persone che avevano entrambe commesso dei reati per i quali sono stati condannati ma una fino ad allora incensurata dopo 9 anni dai fatti è finita in carcere 48 ore dopo che la sentenza era diventata definitiva e vi è rimasta per 16 mesi e l'altra, pluripregiudicata, irregolare ed espulsa dal territorio italiano, con una pena di 3 anni e otto mesi di reclusione passata in giudicato da settimane e che poteva essere arrestata quando era venuta in Tribunale a Padova per chiedere i danni e testimoniare su quanto era accaduto, ma si era potuto rendere irreperibile perché non era stato tempestivamente emesso l'ordine di carcerazione".

CARLA DE CONTI

"Il respingimento della richiesta di grazia a Walter Onichini da parte del presidente Mattarella è un monito per chi come me e come altri crede nella legittima difesa" commenta all'Adnkronos Carla De Conti, tabaccaia trevigiana rapinata decine di volte e diventata uno dei volti simbolo della legittima difesa. "E' un esempio che vogliono dare che non va bene difendersi. Ma chi si difende in casa propria non lo fa perché odia chi sta fuori ma perché ama chi sta dentro". "Il caso in sé è opinabile, il ladro sarebbe stato colpito quando forse era di spalle, ma io sto con Walter. Prima usato dalla politica, poi abbandonato e adesso solo, in balia di un accanimento che mi pare immotivato, considerato che il ladro nemmeno è morto. Io sono una tabaccaia, recentemente a Roma una mia 'collega' è stata ammazzata nel suo negozio. Non siamo sicuri - continua - non siamo tutelati, per questo ottenni il porto d'armi per difendermi. Eppure oggi, alla luce di quanto accaduto, alla luce della condanna inflitta a Walter addirittura scontata in carcere in buona parte e di una richiesta di grazia respinta, sono contenta che mi sia scaduto perché, oggi, con la rabbia che ho rischierei di usare la pistola e far la fine di un uomo che voleva solo difendere se stesso e la sua famiglia. Perché, ricordiamolo, non è Walter a esser andato dal ladro. E' il ladro ad essere andato da lui". (di Silvia Mancinelli)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza