cerca CERCA
Sabato 10 Dicembre 2022
Aggiornato: 05:31
Temi caldi

Motomondiale

Motomondiale: anche Jovanotti con Valentino Rossi, punizione ingiusta

27 ottobre 2015 | 08.31
LETTURA: 3 minuti

alternate text
(Foto dal profilo Instagram di Jovanotti)

“Sono amico e fan di Valentino e lo considero il più grande sportivo della nostra generazione e un uomo, dal punto i vista dei valori sportivi, semplicemente pazzesco. Tutti abbiamo visto com’è andata, è abbastanza chiaro quello che è successo". Dopo Vasco Rossi, anche Jovanotti difende il pilota della Yamaha dopo la bagarre del MotoGp di Malesia.

"Prima le dichiarazioni dei giorni prima della gara e poi quelle immagini su cui c’è poco da dire perché mostravano una situazione lampante con una conclusione quasi scontata - dice l'artista in un video postato su Facebook - I primi giri mostravano una situazione insostenibile e nel momento in cui Vale ha allargato la curva per rallentare l’attività e l’incursione legittima, ma al limite, dell’avversario, era naturale che succedesse quello che abbiamo visto e che è lì da vedere".

"E’ un atteggiamento comune negli esseri umani attaccare per poi fare la vittima - prosegue Jovanotti che sul suo profilo Instagram ha caricato una sua foto con una maglietta nera con la scritta 'The Doctor' - creare con tutte le forze una situazione e poi dichiararsi vittima della stessa situazione che si è creata…. è un brutto vizio di alcuni esseri umani. In questo caso stiamo parlando di campioni, di gente che va a 340 km orari, che vive sull’orlo del rischio e che gli piace, ma stiamo parlando di grandissimi sportivi!".

"Valentino - conclude Jovanotti- è bravissimo, è un grandissimo sportivo, leale e giustamente vuole vincere. Io sono con lui e faccio il tifo per lui fino all’ultimo perché il campionato non è finito anche se questa storia gli ha causato una penalizzazione eccessiva, anzi ingiusta, secondo me proprio ingiusta. Ma penso che il campionato non sia finito. E comunque sia io sto con Valentino #forzaVale”".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza