Home . Fatti . Esteri .

Chi era Youssef, il killer italo-marocchino di Londra

ESTERI
Chi era Youssef, il killer italo-marocchino di Londra

Youssef Zaghba

Era nato a Fes nel gennaio del 1995 Youssef Zaghba, il terrorista italo-marocchino identificato come il terzo attentatore di Londra. Il 22enne, rimasto ucciso nell'attacco di sabato sera nella capitale britannica, aveva il passaporto italiano, essendo figlio di un'italiana e di un marocchino.


Il padre Mohammed, 55 anni, risulta iscritto all'Anagrafe degli italiani residenti all'estero a Casablanca. La madre Valeria è un'italiana convertita all'Islam. Si era trasferita a vivere con la famiglia in Marocco ma dopo essersi separata dal marito è tornata in Italia. Dal marzo del 2016 vive in un piccolo comune della provincia di Bologna. Il fratello del 22enne Kaouthar, 25 anni, si trova in Italia con lei.

Secondo quanto riferisce il 'Guardian', Youssef ha studiato informatica all'Università di Fez. La polizia, riporta il sito del quotidiano britannico, sta passando al setaccio le case di amici e parenti dell'attentatore inclusa l'abitazione di una delle sue ex fidanzate, che è della Libia e vive vicino a Bologna.

L'antiterrorismo ha registrato nei mesi scorsi alcuni passaggi in Italia di Youssef. Si tratta di viaggi per brevi periodi costantemente tenuti sotto stretto monitoraggio dalla Polizia di Prevenzione. Accertamenti sul giovane sono stati effettuati nel marzo 2016 quando il 22enne è stato bloccato mentre stava per imbarcarsi dall'aeroporto di Bologna su un volo per la Turchia verosimilmente per arrivare in Siria via Istanbul e unirsi all'Isis.

Ad insospettire gli addetti alla sicurezza dello scalo emiliano e a far scattare gli accertamenti è stato un biglietto di sola andata per la Turchia. In quell'occasione gli è stato anchesequestrato il cellulare, dal cui esame preliminare non è però emerso nulla di significativo rispetto a una suapresunta radicalizzazione. Poi il Tribunale del Riesame ha ordinato la restituzione del telefonino e, di conseguenza, agli investigatori non è stato possibile esaminarne ulteriormente il contenuto.

Quando il giovane si è trasferito a Londra è stato segnalato dalle autorità italiane come possibile terrorista alla Gran Bretagna. Il fatto che non possa essere considerato un 'foreign fighter', perché poi materialmente impossibilitato a raggiungere la Siria, sarebbe il motivo della mancata espulsione di Zaghba dall'Italia.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.