cerca CERCA
Giovedì 29 Luglio 2021
Aggiornato: 04:48
Temi caldi

Riforma Cartabia, ok Cdm a fiducia

22 luglio 2021 | 19.40
LETTURA: 3 minuti

Il disco verde sarebbe arrivato anche dal M5S. Draghi: "Nessuno vuole l'impunità"

alternate text
(Foto Fotogramma)

Il Consiglio dei ministri ha autorizzato la questione di fiducia alla riforma Cartabia sul processo penale. Il disco verde sarebbe arrivato anche dal M5S.

Leggi anche

"Nessuno vuole sacche di impunità, ma processo rapido e colpevoli puniti", ha messo in chiaro il premier Mario Draghi. "Sulla riforma della giustizia c'è stato un rapido passaggio in consiglio dei ministri, ho chiesto l'autorizzazione alla fiducia quando sarà il momento in Parlamento perché c'è stato un testo approvato all'unanimità in Cdm e questo è un punto di partenza. Qualora ci fossero miglioramenti tecnici anche importanti noi siamo aperti, molto aperti, qualora ci fossero servirà un nuovo passaggio in consiglio dei ministri", ha aggiunto Draghi in conferenza stampa al termine del Cdm. "La richiesta di autorizzazione di fiducia è dovuta al fatto di voler porre un punto fermo - ha detto ancora - C'è tutta la buona volontà ad accogliere emendamenti che siano di carattere tecnico e non stravolgano l'impianto della riforma e siano condivisi. Non mi riferirei solo agli emendamenti di una parte, perché ci sono anche altre parti".

"Chiedere la fiducia può avere delle conseguenze diverse prima del semestre bianco o durante il semestre bianco, ma la diversità è molto sopravvalutata - ha detto ancora Draghi - Chiederla cinque o sei giorni prima è come chiederla durante, perché i tempi per organizzare una consultazione elettorale non ci sarebbero comunque. Non è con una minaccia di questo tipo che si fa una riforma così complessa. Una riforma come quella della giustizia deve essere condivisa ma non è giusto minacciare un evento, la consultazione elettorale, se non la si approva".

Cartabia

Quello della durata dei processi "è un problema grave in Italia non solo perché ci è stato chiesto per avere i fondi del Pnrr di ridurre del 25% i processi ma per ragioni legate alle esigenze dei cittadini", ha detto la ministra della Giustizia, Marta Cartabia, in conferenza stampa a Palazzo Chigi. Affrontare il tema della riforma della Giustizia - che "non è solo una riforma della prescrizione ma una riforma complessiva per abbreviare i processi ed evitare zone di impunità" - "non è stato semplice, tutti hanno punti sensibili, tutti hanno dato apporti, tutti hanno richiesto di eliminare degli elementi che trovavano particolarmente difficili".

"Da più voci è stata espressa preoccupazione, che mi pare vada presa in considerazione seriamente, su un punto specifico: data la criticità di alcune corte di appello evitare che l'impatto di una novità come quella introdotta con l'improcedibilità non provocasse un'interruzione di procedimenti importanti", ha quindi la ministra. "Questa è una preoccupazione molto seria che anche il governo ha avuto fin dall'inizio - ha affermato - ed è il terreno su cui si stanno valutando questi accorgimento tecnici".

"il governo ha messo in campo risorse umane, digitalizzazione, riforma organizzativa e processuale che prende tutto il processo non si può guardare solo al possibile effetto di quel termine temporale che è raggiungibile nella stragrande maggioranza delle Corti d'Appello", ha aggiunto la ministra, ricordando che "per le corti d'Appello in difficoltà, che sono 7, interverremo con strumenti ad hoc perché nessuno possa essere in condizioni di dire non posso chiudere un processo in due anni o in tre anni".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza