cerca CERCA
Lunedì 30 Gennaio 2023
Aggiornato: 01:01
Temi caldi

Teatro alla Scala, Meyer: "Sgarbi? Sue parole mi rattristano"

07 dicembre 2022 | 18.35
LETTURA: 1 minuti

Il sovrintendente del Teatro alla Scala replica alle parole del sottosegretario alla Cultura

alternate text
(Fotogramma)

"Io non faccio commenti su questo, io sono in Italia da 30 anni e la prima volta che sono venuto alla Scala era il 1980. Non mi sono mai sentito uno straniero. E mi sento a casa laddove si fa cultura. Per la prima volta ho sentito questa parola dura, ‘straniero’, mi ha rattristato". Lo ha detto il sovrintendente del Teatro alla Scala, Dominique Meyer, entrando al Piermarini per la Prima che inaugura la stagione con l’opera russa ‘Boris Godunov’, replicando alle parole del sottosegretario alla Cultura, Vittorio Sgarbi, che reclamava l’opportunità di nominare un sovrintendente italiano alla guida del teatro milanese.

"Io sono stato accolto qui sempre molto bene da 35 anni - ha sottolineato Meyer -. Sono presidente di varie giurie e sono sempre stato accolto a braccia aperte. Mi rattrista essere considerato adesso come un cattivo straniero che non sa fare il suo lavoro. Sono 32 stagioni che dirigo l’Opera di Parigi, l’Opera di Vienna e adesso la Scala. Ho rispetto per questa persona che non conosco ma che credo non conosca il mio lavoro".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza