Home . AKI Italiano . Sicurezza . Iraq: governatore respinge dialogo con Isis, Mosul dimostra fallimento Maliki

Iraq: governatore respinge dialogo con Isis, Mosul dimostra fallimento Maliki

SICUREZZA
Iraq: governatore respinge dialogo con Isis, Mosul dimostra fallimento Maliki

(Aki) - Respinge qualsiasi ipotesi di dialgo con lo Stato islamico dell'Iraq e del Levante (Isis), ma anche la proposta del governo e della presidenza irachena di imporre lo stato di emergenza il governatore della provincia di Niniveh, Atheel al-Nujaifi, che ha confermato che Mosul, citta' dell'Iraq settentrionale, e' finita sotto il controllo del gruppo jihadista.

''Formeremo comitati popolari a Mosul e non andremo a chiedere la protezione di Baghdad'', ha spiegato al-Nujaifi che in conferenza stampa ha anche puntato il dito contro ''l'esercito e le forze armate che si sono dileguate'' dopo l'attacco dell'Isis ''permettendo che la citta' venisse catturata'' dai jihadisti. Per questo, il governatore ha chiesto che ''i leader militari vengano processati per aver permesso la caduta di Mosul''. Senza mezzi termini ha poi affermato che ''quello che è successo a Mosul è il collasso del governo di (Nuri, ndr) al-Maliki''. Inoltre il governatore ha detto di ''opporsi alla dichiarazione dello stato di emergenza perché complicherebbe ulteriormente la situazione''.

Rispetto ai jihadisti, ''non avvieremo alcun dialogo con l'Isis, ma ci impegneremo per buttarli fuori da Mosul'', ha aggiunto, affermando che ''ci sono notizie di una collaborazione in corso tra l'Isis e il regime siriano''. Infatti, secondo al-Nujaifi, ''l'Isis non ha preso il controllo della citta' da solo, ma è stato aiutato da altri gruppi''.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI