Home . Fatti . Cronaca . Maturità: Calvino, Malala e la Resistenza per la prova di italiano /Speciale

Maturità: Calvino, Malala e la Resistenza per la prova di italiano

CRONACA
Maturità: Calvino, Malala e la Resistenza per la prova di italiano /Speciale

(Infophoto)

Con la prima prova scritta, quella di italiano, ha preso ufficialmente il via questa mattina, per quasi mezzo milione di studenti, la Maturità edizione 2015/Foto.

La rosa delle tracce (LEGGI) proposte ai maturandi, che avevano sei ore per portare a termine il compito, confermano le 'indiscrezioni' comparse sui siti specializzati dopo poco l'apertura delle buste. Per l'analisi del testo è stato infatti proposto ai candidati un brano di Italo Calvino tratto da 'Il sentiero dei nidi di ragno', pubblicato nel '47; la Resistenza, con un brano di Dardano Ferulli per l'argomento storico; una riflessione sulla letteratura come esperienza di vita per l'ambito artistico letterario in cui sono stati proposti ai candidati come documenti il quadro di Van Gogh 'La lettrice di Romanzi', uno di Matisse 'La lettrice in abito viola' e il quadro di E.Hopper 'Chair car' nonché un brano tratto dall'Inferno di Dante.

Tra gli altri documenti proposti ai maturandi un brano da 'Conversazioni americane' di Jorge L. Borges; un brano tratto da 'Un'etica del lettore' di Ezio Raimondi e uno da 'La letteratura in pericolo' di Tzvetan Todorov.

Per l'ambito socio-economico la traccia proposta riguardava 'Le sfide del XXI secolo e le competenze del cittadino nella vita economica e sociale'. Tra i documenti offerti un brano tratto da 'Investire in conoscenza. Crescita economica e competenze per il XXI secolo' di Ignazio Visco; un brano da 'Non per profitto. Perché le democrazie hanno bisogno della cultura umanistica' di Martha C. Nussbaum e un brano tratto da 'Le raccomandazioni del Parlamento europeo e del Consiglio del 18 dicembre 2006 relative a competenze chiave per l'apprendimento permanente'.

Per l'ambito storico-politico la traccia proposta è stata: 'Il Mediterraneo: atlante geopolitico d'Europa e specchio di civiltà'. Tra i documenti proposti un brano di Predrag Matvejevic tratto da 'Breviario mediterraneo', un brano di Paolo Frascani 'Il mare' e un brano tratto dalla Comunicazione congiunta della Commissione Europea e dell'Alto rappresentante Ue per gli affari esteri e la politica di sicurezza.

Per l'ambito tecnico-scientifico: 'Lo sviluppo scientifico e tecnologico dell'elettronica e dell'informatica ha trasformato il mondo della comunicazione, che oggi è dominato dalla connettività. Questi rapidi e profondi mutamenti offrono vaste opportunità ma suscitano anche riflessioni critiche'. Tra i documenti proposti un brano di Maurizio Ferraris 'Dove sei? Ontologia del telefonino'; un brano di Daniele Marini 'Con Smartphone e social è amore (ma dopo i 60 anni)'.

Il tema storico è sulla Resistenza e ai ragazzi è stato offerto un documento, una sorta di 'testamento spirituale' scritto da Dardano Fenulli, un ufficiale dell'esercito regio che dopo l'8 settembre del '43 partecipò attivamente alla Resistenza e per questo venne condannato a morte. Nel documento si insiste in particolare sulla continuità tra gli ideali risorgimentali e patriottici e la scelta di schierarsi contro l'occupazione nazi-fascista.

Infine, per il tema di carattere generale, il cosiddetto tema di attualità, i candidati sono stati invitati e riflettere su una citazione tratta dal libro di Malala Yousafzai, la ragazza pakistana premio Nobel per la pace 2014 che ha rischiato di perdere la vita per aver rivendicato il diritto all'educazione anche per le bambine. Ai candidati è stato proposto il brano: 'Prendiamo in mano i nostri libri e le nostre penne. Sono le nostre armi più potenti. Un bambino, un insegnante, un libro e una penna possono cambiare il mondo'. 'La pace in ogni casa, in ogni strada, in ogni villaggio, in ogni nazione questo è il mio sogno. L'istruzione per ogni bambino e bambina del mondo. Sedermi a scuola e leggere libri insieme a tutte le mie amiche è un mio diritto'.

E' il saggio breve di ambito tecnico-scientifico la traccia più scelta della maturità 2015. Il 50,7% dei maturandi (con un picco del 61,9% negli istituti professionali) ha optato per il titolo dedicato ai cambiamenti recenti del mondo della comunicazione. E' quanto emerge dalla rilevazione condotta dal ministero dell'Istruzione dell'università e della ricerca su un campione di 485 scuole. Segue, scelta dal 14,4% dei maturandi (picco del 22,7% nei licei), la traccia di ambito artistico-letterario, "La letteratura come esperienza di vita".

Il tema di ordine generale, che prende spunto da un brano della giovane Malala è stato svolto dal 12,1% dei ragazzi (picco del 17% negli istituti professionali). Subito dopo viene l'analisi del testo, un brano di Italo Calvino, scelto dal 9% dei maturandi (13% nei licei). Il 6,6% dei ragazzi ha svolto poi il saggio breve di ambito storico-politico con "Il Mediterraneo: atlante geopolitico d'Europa e specchio di civiltà" (7,7% negli istituti tecnici).

Il 4,6 degli studenti (5,2% nei licei) ha optato quindi per il saggio breve di ambito socio-economico su "Le sfide del XXI secolo e le competenze del cittadino nella vita economica e sociale". Infine, il 2,5% degli studenti (3,1% negli istituti tecnici) ha svolto il tema di argomento storico sulla Resistenza.

Tracce belle e attese che hanno dato l'opportunità ai maturandi di dare il meglio di sé, è il commento del portale specializzato Studenti.it. Quest'anno il Miur ha colto nel segno, nonostante l'Expo sia stato il grande assente, sottolinea Studenti.it. che dalle prime ore della mattinata ha seguito in diretta con gli studenti, raccogliendo anticipazioni e richieste di aiuto, le tracce della prima prova. Tracce belle e non difficili, sottolinea il sito, che hanno consentito ai maturandi di esprimersi al meglio su temi che gli sono congeniali.

La traccia sul Mediterraneo è stata una scommessa vinta del tototema di Studenti.it che ci aveva puntato molto realizzando diversi approfondimenti sul tema, uno di questi realizzato dall'Adnkronos con l'aggiunta di una infografica che spiega il fenomeno e ne racconta i numeri. Un argomento di attualità molto sentito e su cui gli studenti si preparano con temi e saggi brevi durante tutto l'anno (il tema sull'immigrazione è uno dei contenuti più visti su Studenti.it).

Così come la traccia tecnologica, attesa per via degli anniversari che ricorrono quest'anno: i 10 anni dalla nascita di Youtube, i 40 anni di Microsoft, i 20 anni di e-bay; tutte realtà che hanno cambiato profondamente il modo di comunicare, acquistare e vivere delle persone e su cui i maturandi hanno sicuramente molto da dire. Anche oggi, nonostante le accortezze delle commissioni, dalle scuole sono trapelate rapidamente le tracce e le richieste di aiuto da parte dei maturandi. Sui social le foto dei brani scelti dal Miur sono arrivate prima delle 9, una conferma dell'indagine su Studenti.it in cui il 21% dei maturandi ha dichiarato che oggi avrebbe usato il cellulare durante le prove.

"Calvino, Resistenza, Malala, Mediterraneo. Sono curioso di leggere i commenti dei ragazzi quando usciranno da #maturita2015" ha scritto su Twitter il premier Matteo Renzi.

Su Twitter anche l'auspicio del ministro dell'Istruzione Stefania Giannini: "Spero che a maturandi siano piaciute tracce, ognuno troverà quella più adatta ad esprimere la propria capacità di elaborazione #maturita2015".

La seconda prova, prevista per domani, è quella specifica per il corso di studi ed ha come oggetto una delle materie che caratterizzano il corso di studio. Quest'anno i candidati si cimenteranno con Latino al Classico, Matematica allo Scientifico, Economia Aziendale negli Istituti tecnici ad indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing, Scienza e Cultura dell'Alimentazione nei Professionali dove si studiano Servizi per l'Enogastronomia e l'Ospitalità alberghiera, Tecniche della danza al Liceo Coreutico e Teoria, analisi e composizione al Musicale. Anche per la seconda prova il tempo a disposizione è di 6 ore tranne che per alcuni indirizzi come il Liceo musicale, coreutico, artistico, dove la prova si svolge in due o più giorni.

La terza prova, diversa per ciascuna scuola, è in calendario lunedì 22 giugno alle 8.30. La commissione, nella terza prova, tiene conto, ai fini dell'accertamento delle competenze, abilità e conoscenze, anche delle eventuali esperienze condotte in alternanza scuola lavoro, stage e tirocinio e anche il colloquio orale potrà partire da eventuali esperienze condotte in alternanza o in tirocinio, e della disciplina non linguistica insegnata tramite la metodologia CLIL. Anche il colloquio orale potrà partire da eventuali esperienze condotte in alternanza o in tirocinio.

La data degli 'orali', i cosiddetti colloqui, è stabilita invece da ciascuna commissione al termine della correzione e valutazione degli scritti e dei fascicoli dei candidati.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.