Home . Fatti . Cronaca . Controllo a domicilio finisce nel sangue, paziente accoltella infermiere: arrestato

Controllo a domicilio finisce nel sangue, paziente accoltella infermiere: arrestato

CRONACA
Controllo a domicilio finisce nel sangue, paziente accoltella infermiere: arrestato

(Infophoto)

Momenti di paura questa mattina in un'abitazione a Torino. Un medico e due infermieri dell'Asl To1 si sono presentati in un appartamento di via Lagrange per verificare le condizioni di salute di un 44enne con problemi psichiatrici, ma dopo che la madre dell'uomo ha aperto la porta il primo infermiere entrato è stato aggredito con un coltello da cucina. Ha riportato gravi ferite al torace e alla schiena ed è stato sottoposto a un intervento chirurgico all'ospedale Molinette.

Se l'è cavata invece con ferite superficiali alle braccia e alla testa la psichiatra che dopo essere stata medicata è stata dimessa con una prognosi di 12 giorni. Illesa la terza infermiera che ha dato l'allarme.

Sono arrivate le volanti della polizia e il 118. Gli agenti sono riusciti a convincere il paziente a farli entrare in casa: lo hanno bloccato e portato in ospedale per curare alcune ferite che si era procurato. E' stato arrestato per tentato omicidio. I responsabili del Servizio di Salute Mentale sono in contatto con i familiari del paziente per verificare eventuali bisogni.

Secondo quanto riferisce l'Asl To1, il paziente era in carico al Centro di Salute Mentale dal 2007, ma da maggio non si era più presentato ai consulti. A settembre, a seguito dell'ennesimo rifiuto a presentarsi, si è deciso in accordo con la madre di fare una visita domiciliare, ma "non per effettuare un Tso" precisano dall'Asl.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI