Home . Fatti . Cronaca . Bari, con la giacca sul braccio per rubare cellulari nei negozi: arrestati /Video

Bari, con la giacca sul braccio per rubare cellulari nei negozi: arrestati

CRONACA

Con una giacca sistemata sul braccio sinistro rubava con l'altro braccio portafogli e cellulari alle clienti dei negozi del centro di Bari. Sembra uscita da un film degli anni sessanta la tecnica utilizzata da due georgiani pregiudicati. Alla fine sono stati scoperti dai carabinieri della Stazione 'San Nicola' che li hanno arrestati in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del Tribunale, su richiesta della Procura della Repubblica. In manette due uomini di 36 e 33 anni, accusati di furto con destrezza in concorso. Con calma e 'professionalità' non comuni, mettevano a segno i loro furti nei pomeriggi dei fine settimana, approfittando della folla di acquirenti dei negozi, in particolare tra piazza Umberto e via Sparano.

Al più giovane sono stati attribuiti ben cinque 'colpi', uno dei quali con la complicità del connazionale, da febbraio a maggio scorsi. La tecnica era sempre quella: una giacca messa sul braccio sinistro, che serviva, per coprire l'altro braccio con cui, con rapidità e indifferenza, riusciva prima a sottrarre portafogli e cellulari dalle borse o dalle tasche delle vittime e dopo per nascondere la refurtiva.

In una occasione, l'intervento di una pattuglia dell'Arma ha permesso di recuperare uno smartphone sottratto ad una minorenne, mentre si trovava in coda per pagare un acquisto effettuato in una gioielleria. I militari, visionate le immagini delle telecamere di sicurezza ed identificato l'autore, a loro già noto perché deferito per fatti analoghi, sono riusciti subito ad intercettarlo nella vicina Piazza Umberto.

L'uomo, però, accortosi del loro arrivo, si è sbarazzato del cellulare, gettandolo in un cespuglio e si è allontanato facendo perdere le proprie tracce. Il cellulare, recuperato, è stato trovato privo della sim card e già impostato in lingua georgiana. Il 33 enne potrebbe essere responsabile di altri furti simili.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.